Manus
Home Ricerca Indici Progetti speciali Biblioteche News Norme catalografiche

home > Roma, Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II, Farfense, Farf.24

Roma, Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II, Farfense, Farf.24


Scheda manoscritto

Vedi la descrizione del Fondo

CNMD\0000211479

Sfoglia le immagini di catalogo esterne a MOL (1)

Manoscritto cartaceo, guardie membranacee; fascicoli legati; 1460-1464 data espressa a c. 2r e 79r (1460-11-21/1464-04-13); cc. I + 226 + II; numerazione recente a matita per cc. 229, che comprende le carte di guardia. Bianche cc. 20v, 145v. Presente altra numerazione: cfr. Storia del manoscritto.

Dimensioni: mm 232 x 169 (c. 18).

Frammenti:
cc.1, 228-229 del sec. XIV; usate come guardie cfr. Frammenti; c. 1 in pergamena proveniente da un breviario del sec. XIV; mm 231x164; ll. 20; testo disposto a piena pagina; scrittura gotica evanida; iniziali calligrafiche alternate in rosso e azzurro; a c. 1v parte del testo è stato ricoperto da note più recenti.

cc. 228-229 costituiscono un unico foglio in pergamena proveniente da un lezionario del sec. XIV; mm 325x226; ll. 29; testo disposto a piena pagina; scrittura gotica posata, ancora ben visibile; iniziali calligrafiche alternate in rosso e azzurro.

Fascicolazione:
Il manoscritto è composto da 24 fascicoli:
I quinione (cc. 2-10) mutilo dell'ultima carta con perdita del testo;
II quinione (cc. 11-19) mutilo della prima carta con perdita del testo;
III quinione (cc. 20-28) mutilo dell'ultima carta, senza perdita di testo;
IV-VIII quinioni (cc. 29-78);
IX senione (cc. 79-90);
X-XVIII quinioni (cc. 91-180);
XIX-XX quaternioni (cc. 181-196);
XXI ternione (cc. 197-202);
XXII-XXIII quaternioni (cc. 203-218);
XXIV quinione (cc. 219-227) mutilo dell'ultima carta senza perdita del testo.

Segnatura dei fascicoli:
Fascicoli numerati con numeri arabi rubricati al centro del margine inferiore a partire dal numero 1 a c. 29r fino al numero 20 a c. 219r; non presente nell'ottavo fascicolo (cc. 69-78). A volte è riportato anche al centro del margine inferiore del verso dell'ultima carta del fascicolo (es. cc.160v, 180v). Errata e corretta dalla stessa mano la segnatura dei fascicoli XXII e XXIII (cc. 203-218).

Rigatura:
A colore.

Specchio rigato:
mm 173x116 (c. 18r)
A: 22; B: 195; C: 232
a: 17; b: 133; c: 169.

Righe:
rr. 38; variabili le linee. La scrittura inizia indifferentemente sopra o sotto la prima riga; spesso vengono lasciate senza scrittura l'ultima o le ultime righe.

Disposizione del testo:
A piena pagina; eccezione alle cc. 21r-28v dove l'indice del secondo testo è disposto su due colonne.

Scrittura e mani:
Bastarda tedesca di unica mano (cfr. Jemolo, 1971, p. 37).

Stato di conservazione:
Buono; attualmente il codice è conservato in una scatola di cartone fatta fare su misura dal Laboratorio di Restauro della Biblioteca nazionale nel febbraio 2003.

Decorazione
Databile 1460-1464.

Iniziali
Iniziali semplici.
Iniziali filigranate
Sono presenti iniziali, ornate.

Altri elementi
Disegni a c. 10v, 17r.
tavole astronomiche in inchiostro marrone e rosso.

Legatura:
1601-1700, cfr. Brugnoli, 1953; Il fiore dell'arte, 1992, p. 565 ritiene la legatura coeva al codice.

Assi in legno.

Coperta in pelle.

Decorata a secco, triplici filetti che formano figure geometriche sui piatti e sul dorso.

Elementi metallici: fermagli, borchie, cinque borchie su entrambi i piatti; tracce di fermagli.

Storia del manoscritto:
Il codice contiene un testo di astrologia ed uno di medicina; entrambi in lingua tedessca furono scritti tra il 21 novembre del 1460 ed il 13 aprile 1464, come testimoniano le note presenti nel margine inferiore di c. 2r: "Diz buch wart an gehabin In M CCCC LX XXI tage in den November / Und wart Volbracht In M CCCC LXIIII XIII tage in den abrille" su due righe, la prima è in inchiostro rosso, la seconda in inchiostro marrone; a c. 79r inoltre si legge: "M CCCC LX XXI tage yn dem November" in inchiostro rosso, ripetuto nel margine interno ortogonalmente.
Vergato in bastarda tedesca è possibile ipotizzare una sua origine in area germanica.
Sul dorso è incollato un tassello cartaceo riportante l'antica segnatura "h" e il titolo "Liber Astronomi Physicus Medicus".
La numerazione recente a matita posta nell'angolo superiore esterno del recto delle carte comprende la carta di guardia iniziale e le due finali; si tratta di tre carte in pergamena numerate cc. 1 e 228-229 provenienti da codici del sec. XIV (cfr. Frammenti).
Oltre alla numerazione recente seguita, il codice ne presenta altre due: una è coeva ed è vergata a penna nell'angolo superiore esterno del recto delle carte per numeri 1-189 alle attuali cc. 2-227. Questa numerazione non numera le attuali cc. 20-28, contenenti l'ultima carta del primo testo e l'intero indice del secondo testo. Inoltre, ripete i numeri 170-179.
E' presente un'altra numerazione a matita nel margine inferiore esterno di alcune carte con la sigla di Giorgio Brugnoli (es. cc. 183-185, 189), presente anche nei Farf. 20, 22, 23, 25, 26.
Aggiunte dello stesso copista nei margini laterali disposte in senso ortogonale alla scrittura (es. cc. 192r, 225v).
Nota di mano del sec. XVI nel margine inferiore di c. 2r "Dies buch wart volbracht" e di mano del sec. XV ex. nel margine inferiore di c. 4r "Der may ist hie die vogel singen / Die blumleyn auff der heydem entspryngen" su due righe (cfr. Brugnoli, 1953, p. 96).
Il codice pervenne in seguito alla biblioteca dell'abbazia di Farfa, dove fu conservato fino al 1876 quando venne incorporato nei fondi della Biblioteca nazionale centrale di Roma in seguito alla legge per la soppressione delle Corporazioni religiose romane del 1873.

Nomi collegati alla storia:
*Abbazia di *Farfa <Fara in Sabina>, provenienza

*Germania ?, luogo di copia

Brugnoli, Giorgio, lettore

Antiche segnature:
200

h

Data di entrata in biblioteca:
1876

Descrizione interna


cc. 2r-20r


Titolo aggiunto: Liber Astronomi Physicus Medicus
Note: sul dorso.

Titolo identificato: Calendario, tavole astronomiche, trattato astrologico
Note: cfr. Datati, 1971, p. 36.

Titolo identificato: De tempore ac sideribus tractatus
Note: cfr. Brugnoli, 1953, p. 96.

Incipit (testo) : Ianuarius Ienner hot tage 31 die besneidinige unsis hern (c. 2r)

Explicit (testo) : Sanguinis humani iclithe in oleum termentina V onts und mache das phlaster (c. 20r)

Descrizione interna


cc. 21r-227v


Titolo aggiunto: Liber Astronomi Physicus Medicus
Note: sul dorso.

Titolo identificato: Buch von Creutern und Wurzen
Note: cfr. Jemolo, 1971, p. 36; per l'edizione parziale cfr. Klemme, 1965, pp. 129-146.

Titolo identificato: De medicinae remediis libri II
Note: cfr. Brugnoli, 1953, p. 96.

Incipit (testo) : An eyner stat geschribin stat. Eyn wort das got gesprochen (c. 29r)
Nota all'incipit: precede: "In dem Namen des Vaters und des sones und des heiligen geistes ...".
A cc. 21rA-28vB indice.

Explicit (testo) : Und Talbe die augen oste do mite (c. 227v)
Nota all'explicit: precede: "In dem Namen des Vaters und des sones und des heiligen geistes ...".
A cc. 21rA-28vB indice.


Bibliografia non a stampa
Biblioteca nazionale centrale <Roma>, Catalogo dei Manoscritti: Fondi Minori, vol. I, c. 50r

Bibliografia a stampa
G. BRUGNOLI, Catalogus codicum Farfensium, "Benedectina", 7 (1953) pp. 96-97; R. KLEMME, Die "kunst von Blasenstein" Wilhelms von Lack und einige andere Rezepte gegen Harnleiden von unbekannten Verfassern des Mittelalters, "Sudhoffs Archiv fur Geschichte der Medizin und der Naturwissenschaften", 49 (1965), pp. 129-146; Catalogo dei manoscritti in scrittura latina datati o databili per indicazione di anno, di luogo o di copista, I, Biblioteca nazionale centrale di Roma, a cura di Viviana Jemolo, Torino, Bottega d'Erasmo, 1971, pp. 36-37; Il fiore dell'arte di sanare: testimonianze della vitalità della medicina tradizionale attraverso i testi della Biblioteca nazionale centrale di Roma. Roma, Paracelso, 1992, p. 565

Riproduzioni
Digitalizzazione integrale consultabile sulla TECA Digitale della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma. Microfilm integrale di 35 mm., consultabile nella Biblioteca Nazionale Centrale presso la Sala Manoscritti e presso il Centro nazionale per lo studio del manoscritto


Autore della scheda: Livia Martinoli
Ultima modifica: Valentina Longo
Tipologia: scheda di prima mano
(numero di catena 200. Scheda redatta da Maria Pia Blasi nel 2002)
Data creazione: 06/12/2012 Data modifica: 13/10/2021
CNMS: CNMS\\0000150150

Scarica in formato XML