Manus
Home Ricerca Indici Progetti speciali Biblioteche News Norme catalografiche

home > Roma, Biblioteca Angelica, Arcadia, ms.1

Roma, Biblioteca Angelica, Arcadia, ms.1


Scheda manoscritto

Vedi la descrizione del Fondo

CNMD\0000277367

Composito di 13 elementi.
Le unità codicologiche sono descritte separatamente.

Manoscritto cartaceo, guardie cartacee; di restauro; fascicoli legati; il codice è il risultato della riunificazione, sotto un'unica legatura, di vari componimenti poetici (in forma di originale o copia) operata dal custode generale dell'Accademia dell'Arcadia Giovanni Mario Crescimbeni (1663-1728); tali testi sono organizzati per “ragunanze” in 13 sottosezioni (rese nella presente scheda tramite l'utilizzo delle "unità codicologiche"); 1691-1692 data espressa a c. 1r (la data è fornita secondo il sistema cronologico arcade: dal IV° dopo il XX° di Mematterione cadente l’anno II° dell’Olimpiade DCXVIIa fino al I° dopo il X° di Sciroforione andante l’anno III° della stessa Olimpiade [per la conversione secondo il sistema civile cfr. Elisabetta Appetecchi, In Coetu nostro perpetuo servetur: L’Efemeride e le origini dell’Arcadia, tesi di laurea specialistica in Filologia Moderna, Roma, Università degli Studi di Roma "La Sapienza", 2018]); cc. II + 373 + II; cartulazione moderna erronea per 370 carte, tracciata a matita, posta nell’angolo superiore destro del recto delle carte, con salto di una carta dopo c. 2 (numerata 2bis), una dopo c. 147 (numerata 147bis) e una dopo c. 284 (numerata 284bis); paginazione antica non più attuale a penna, posta nell'angolo superiore esterno delle carte; 1v, 2bisr-v, 3v, 4v, 6v, 8r-v, 16v, 20v, 21v, 22v-24v, 26v, 28v, 30v, 33v, 34v, 35v, 36v, 37v, 37v, 41v, 42v-44v, 45v, 47v, 49v, 50v, 53v, 54v, 59v, 60v, 64r-v, 71r-72v, 73v-74v, 78v, 81r-v, 82v, 83v, 84v-85v, 95r-96v, 97v, 103v-106v, 108v, 110v, 114v-116v, 117v, 122v, 123v-127v, 132v, 133v, 141v, 142v, 145v, 147bisr-v, 148v-150v, 151v, 152v, 153v-154r, 155v, 156v, 157v-158v, 163v, 165v, 170v-173v, 180v, 183r-v, 185v, 186v, 196v, 200v, 201v, 203v, 225v, 226v, 236v-237v, 238v, 239v, 251v, 255v, 256v, 257v, 254v, 265v, 266v, 270v, 272v, 277v, 278v, 279v, 281v, 282v, 283v, 285v, 287v-289v, 290v, 292r-293v, 294v-295v, 296v, 298v, 299v, 330r-332v, 333v, 334v, 349v, 359v, 369v-370v.

Dimensioni: mm 272 x 200 (c. 3).

Mancanze:
il ms. ha subito l'asportazione di varie carte, come testimoniato dai salti presenti nella paginazione antica.

Scrittura e mani:
scrittura corsiva di varie mani; i testi presentano numerose annotazioni e correzioni di mano del custode generale dell’Accademia dell’Arcadia Giovanni Mario Crescimbeni (1663-1728).

Sigilli e Timbri:
a c. 1r sigillo di cera rossa sotto carta recante l’insegna dell’Accademia: una siringa circondata di pino e di lauro e la legenda Gli arcadi.

Stato di conservazione:
discreto, migrazione dell’inchiostro, il quale ha talvolta perforato le carte; il manoscritto è stato oggetto di restauro, con risarcimento delle carte danneggiate.

Inchiostro:
bruno.

Legatura:
1974-06-01.

Assi in cartone.

Coperta in pergamena, capitelli passanti.

Legatura restaurata, timbro del restauratore sulla controguardia post.: Restauro del libro di Lelli Giuseppe - 1 giu 1974.

Storia del manoscritto:
manoscritto di origine italiana (Roma); tassello pergamenaceo proveniente dalla legatura precedente sulla controguardia ant., recante, a penna, in inchiostro nero: Componimenti arcadici - Volume primo.

Nomi collegati alla storia:
*Lelli, Giuseppe, restauratore
    Nomi sul manoscritto
    Lelli Giuseppe, citato a controguardia post.

Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>, raccoglitore
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 1r

Camicia:
cc. 1r-368r Prima stagione de’ Componimenti Arcadici. Volume primo dal IV° dopo il XX° di Mematterione cadente l’anno II° dell’Olimpiade DCXVIIa fino al I° dopo il X° di Sciroforione andante l’anno III° della stessa Olimpiade (titolo presente a c. 1r, seguono il sigillo e la firma del custode generale: Alfesibeo Cario custode d’Arcadia; seguono a c. 2r-v l’indice delle ragunanze e alle cc. 349r-368r l’indice dei nomi).


Bibliografia a stampa
Arcadia - Accademia letteraria italiana. Inventario dei manoscritti (1-41), a cura di Barbara Tellini Santoni, Roma, La Meridiana, 1991, pp. 9-15.

Fonti
Alessandro Guidi, Endimione, a cura di Valentina Gallo, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 2011

Comentarj di Gio. Mario de’ Crescimbeni collega dell’imperiale Accademia Leopoldina, e custode d’Arcadia intorno alla sua istoria della volgar poesia, v. III, In Roma, per Antonio de’ Rossi alla piazza di Ceri, 1711, pp. 323-324

Comentarj del canonico Gio. Mario Crescimbeni custode d’Arcadia, intorno alla sua Istoria della volgar poesia, v. III, In Venezia, presso Lorenzo Basegio, 1730, pp. 239-240

Cristina di Svezia e Roma. Atti del simposio tenuto all’Istituto Svedese di Studi Classici a Roma, 5-6 ottobre 1995, a cura di Borje Magnusson, Stockholm, [s.n.], 1999, p. 176

http://www.accademiadellarcadia.it/wp-content/uploads/2019/11/Ms1_5r_Leonio_Non-pi%C3%B9-damor_Appetecchi.pdf

https://www.accademiadellarcadia.it/wp-content/uploads/2019/11/Ms1_6r_Del-Nero_Montan-fra-duri-sterpi_Di-Bari.pdf

https://www.accademiadellarcadia.it/wp-content/uploads/2019/11/Ms1_7r_Crescimbeni_Liete-soavi-fresche_Sassi.pdf

https://www.accademiadellarcadia.it/wp-content/uploads/2019/11/Ms1_9r_Crescimbeni_Ditirambo1_Intreccialagli.pdf

https://www.accademiadellarcadia.it/wp-content/uploads/2019/11/Ms1_22r_Costa_Pan-a-Cupidine-victus_Giacopini.pdf

https://www.accademiadellarcadia.it/wp-content/uploads/2019/11/Ms1_26r_Figari_Quanto-sei-vaga_Cuturello.pdf

https://www.accademiadellarcadia.it/wp-content/uploads/2019/11/Ms1_27v_Vicinelli_De-ore-Melissae_Appetecchi.pdf

L’Arcadia restituita all’Arcadia lezione accademica di Benedetto Menzini..., In Roma, per Gio. Battista Molo, 1692

Poesie d’Alessandro Guidi con la sua vita descritta da G. Mario Crescimbeni, v. II, Pisa, presso Sebastiano Nistri, 1821, pp. 165-180

Rime degli Arcadi, v. I, In Roma, per Antonio Rossi alla piazza di Ceri, 1716, pp. 6, 218

Rime degli Arcadi, v. II, In Roma, per Antonio Rossi alla piazza di Ceri, 1716, p. 370

Rime degli Arcadi, v. V, In Roma, per Antonio Rossi alla piazza di Ceri, 1717, pp. 332-333

Rime degli Arcadi, v. VI, In Roma, per Antonio Rossi alla piazza di Ceri, 1717, p. 31

Rime di Giovambatista Felice Zappi e di Faustina Maratti sua consorte…, v. I, Venezia, Presso Gaspare Storti, in Merceria, all’insegna della Fortezza, 1770, p. 240

Rime di Giovambatista Felice Zappi e di Faustina Maratti sua consorte…, v. II, Venezia, Presso Gaspare Storti, in Merceria, all’insegna della Fortezza, 1770, pp. 228-233

Rime dell’avvocato Gio. Batt. Felice Zappi e Faustina Maratti sua consorte..., v. I, In Venezia, presso Sebastiano Valle, 1818, p. 198

Rime dell’avvocato Gio. Batt. Felice e di Faustina Maratti sua consorte, v. II, Napoli, tip. Giuseppe Cioffi, 1833, pp. 498-509

Rime di Alfesibeo Cario custode d’Arcadia. Col catalogo, e chiaue de’ pastori Arcadi nominati in questa, e in altre opere dell’istesso autore..., In Roma, per Gio. Battista Molo, 1695, pp. 4, 14, 186-204

Scelta di sonetti e canzoni de’ piu eccellenti rimatori d’ogni secolo, v. III, In Bologna, per Costantino Pisarri sotto le Scuole, 1718, pp. 43, 459

Scelta di sonetti e canzoni de’ piu eccellenti rimatori d’ogni secolo..., v. III, In Venezia, presso Lorenzo Baseggio, 1739, p. 552

Stefano Colonna, La galleria dei Carracci in Palazzo Farnese a Roma. Eros, Anteros, età dell’oro, introduzione di Maurizio Calvesi, Roma, Gangemi, 2007, p. 213

ms.1, unità codicologica 1


Carte 3-27.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 3r-27v Ragunanze 2a, 3a, 6a e 7a generali nel Bosco Parrasio (titolo presente a c. 3r, segue a c. 4r l’indice degli autori).

Descrizione interna


c. 5r


Autore:
Leonio, Vincenzo <1650-1720>
    Nomi sul manoscritto
    Uranio Tegeo, citato a c. 5r

Titolo presente: Non più d’amor ma sol di sdegno ardente (c. 5r)

Incipit : Non più d’amor ma sol di sdegno ardente (c. 5r)

Explicit : ch’amar’ io voglio, ancorch’infida Iole (c. 5r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: d’Uranio Tegeo.

Osservazioni:
cfr. http://www.accademiadellarcadia.it/wp-content/uploads/2019/11/Ms1_5r_Leonio_Non-pi%C3%B9-damor_Appetecchi.pdf.

Descrizione interna


c. 5v


Autore:
Bianciardi, Michelangelo Maria <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Sincerus Parthenius, citato a c. 5v

Titolo presente: Arcadici indigetes, et amica mapalia musis (c. 5v)
Note: precede il testo: Sincerus Parthenius Arcadię pastor in patriam redux loci genium ac deos sic salutat.

Incipit : Arcadici indigetes, et amica mapalia musis (c. 5v)

Explicit : occuperit, atque meos hinc habeans Elysios (c. 5v)

Descrizione interna


c. 6r


Autore:
Del_Nero, Paolo Antonio <1666-1718>
    Nomi sul manoscritto
    Siringo Reteo, citato a c. 6r

Titolo presente: Montan, fra duri sterpi alzando il corno (c. 6r)
Note: precede il testo: Siringo Reteo a Montano Falinthio.

Incipit : Montan, fra duri sterpi alzando il corno (c. 6r)

Explicit : quanto Acquilon del chiaro sole a i rai (c. 6r)

Osservazioni:
cfr. https://www.accademiadellarcadia.it/wp-content/uploads/2019/11/Ms1_6r_Del-Nero_Montan-fra-duri-sterpi_Di-Bari.pdf.

Descrizione interna


c. 7r


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 7r

Titolo presente: Liete, soavi, fresche e limpid’onde (c. 7r)
Note: precede il testo: Alfesibeo Cario così cantò.

Incipit : Liete, soavi, fresche e limpid’onde (c. 7r)

Explicit : e il suo gaudio, e il mio duol sara l’istesso (c. 7r)

Osservazioni:
cfr. https://www.accademiadellarcadia.it/wp-content/uploads/2019/11/Ms1_7r_Crescimbeni_Liete-soavi-fresche_Sassi.pdf.

Descrizione interna


c. 7v


Autore:
Figari, Pompeo <abate ; ca. 1650-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Montano Falantio, citato a c. 7v

Titolo presente: Lidia sol de’ tuoi lumi i bei fulgori (c. 7v)
Note: precede il testo: Montano a Lidia.

Incipit : Lidia sol de’ tuoi lumi i bei fulgori (c. 7v)

Explicit : che fia di me, che in te gli ammiro uniti. (c. 7v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: è di Montano Falantio.

Descrizione interna


cc. 9r-16r


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 9r

Titolo identificato: Qui dove il dio di Cirra
Note: precede il testo: Di Alfesibeo Cario. Ditirambo per le calende di maggio (c. 9r).

Incipit : Qui dove il dio di Cirra (c. 9r)

Explicit : evoè evoè dunque evoè (c. 16r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Alfesibeo.

Osservazioni:
cfr. https://www.accademiadellarcadia.it/wp-content/uploads/2019/11/Ms1_9r_Crescimbeni_Ditirambo1_Intreccialagli.pdf.

Descrizione interna


cc. 17r-20r


Autore:
Vicinelli, Giacomo <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Mirtillo Aroanio, citato a c. 20r

Titolo presente: Dorilla per Aminta ferito da un sasso nel piede (c. 17r)
Note: segue il titolo: Idillio di Mitillo Aroanio.

Incipit : Ninfe, che in questi boschi (c. 17r)

Explicit : seguir volea; ma no’l permise il duolo (c. 20r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Di Mirtillo Aroanio.

Descrizione interna


c. 21r


Autore:
Leers, Filippo <abate ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Siralgo Ninfasio, citato a c. 21r

Titolo presente: Sciogliea Licori un’armonia divina (c. 21r)
Note: precede il testo: Di Siralgo Ninfasio.

Incipit : Sciogliea Licori un’armonia divina (c. 21r)

Explicit : perché s’avvide che godeva anch’io (c. 21r)

Descrizione interna


c. 22r


Autore:
Costa, Giovanbattista <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Ilisus Coriteus, citato a c. 22r

Titolo identificato: Pan a cupidine victus

Titolo presente: Pan à cupidine victus. Epigramma (c. 22r)

Incipit : Te quoque Pan, ovium custos dignissime, amori (c. 22r)

Explicit : testis naturę es maximus ipse parens (c. 22r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Ilisus Coriteus.

Osservazioni:
cfr. https://www.accademiadellarcadia.it/wp-content/uploads/2019/11/Ms1_22r_Costa_Pan-a-Cupidine-victus_Giacopini.pdf; Stefano Colonna, La galleria dei Carracci in Palazzo Farnese a Roma. Eros, Anteros, età dell’oro, introduzione di Maurizio Calvesi, Roma, Gangemi, 2007, p. 213.

Descrizione interna


c. 25r


Autore:
Maggio, Melchiorre <sec. 17./18.>
    Nomi sul manoscritto
    Dameta Clitorio, citato a c. 25r

Titolo presente: Ecco ormai torna il bel leggiadro aprile (c. 25r)
Note: precede il testo: Di Dameta Clitorio.

Incipit : Ecco ormai torna il bel leggiadro aprile (c. 25r)

Explicit : di mezzastate à me serbare il verno (c. 25r)

Descrizione interna


c. 25v


Autore:
Guaccimanni, Giuseppe Giusto <abate ; 1652-1705>
    Nomi sul manoscritto
    Melibeo Pitio, citato a c. 25v

Titolo presente: Questa cara a le ninfe e sacra al canto (c. 25v)
Note: precede il testo: Di Melibeo Pitio ad Euganio Libade mostrandogli la solitudine del Bosco Parrasio.

Incipit : Questa cara a le ninfe e sacra al canto (c. 25v)

Explicit : il Pastor fido e l’amoroso (?) Aminta (c. 25v)

Descrizione interna


c. 26r


Autore:
Figari, Pompeo <abate ; ca. 1650-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Montano Falantio, citato a c. 26r

Titolo presente: Quanto sei vaga o Lidia! Io veggo il fiume (c. 26r)
Note: precede il testo: Montano Falantio alla sua Lidia. Sonetto.

Incipit (testo) : Quanto sei vaga o Lidia! Io veggo il fiume (c. 26r)

Explicit : se chi non sente per te sente amore? (c. 26r)

Osservazioni:
cfr. https://www.accademiadellarcadia.it/wp-content/uploads/2019/11/Ms1_26r_Figari_Quanto-sei-vaga_Cuturello.pdf.

Descrizione interna


c. 27r


Autore:
Somai, Angelo Antonio <abate ; 1668-1745>

Titolo presente: O fiumicello che l’aprica sponda (c. 27r)
Note: precede il testo: primo.

Incipit : O fiumicello che l’aprica sponda (c. 27r)

Explicit : ardo d’amore, ardo d’amore anch’io (c. 27r)

Osservazioni:
cfr. Scelta di sonetti e canzoni de’ piu eccellenti rimatori d’ogni secolo, v. III, In Bologna, per Costantino Pisarri sotto le Scuole, 1718, p. 43.

Descrizione interna


c. 27r


Autore:
Somai, Angelo Antonio <abate ; 1668-1745>
    Nomi sul manoscritto
    Ila Orestasio, citato a c. 27r

Titolo presente: Invido fiume, nol vuoi dir, qui siede (c. 27r)
Note: precede il testo: secondo.

Incipit : Invido fiume, nol vuoi dir, qui siede (c. 27r)

Explicit : torbido, oscuro e senza pregio andresti (c. 27r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: di Ila Orestasio.

Descrizione interna


c. 27v


Autore:
Vicinelli, Giacomo <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Mirtillus Aroanius, citato a c. 27v

Titolo identificato: De ore Melissae

Titolo presente: De ore Melissę. Epigramma (c. 27v)

Incipit : Haec labia haud folijs tinxit natura rosarum (c. 27v)

Explicit : vile per Elysium iam foret ire nemus (c. 27v)
Nota all'explicit: seguono due righe di scrittura depennata e il nome dell’autore: Mirtillus Aroanius.

Osservazioni:
cfr. https://www.accademiadellarcadia.it/wp-content/uploads/2019/11/Ms1_27v_Vicinelli_De-ore-Melissae_Appetecchi.pdf.


ms.1, unità codicologica 2


Carte 28-58.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 28r-58v Ragunanza VIIIa generale nel Bosco Parrasio (titolo presente a c. 28r, segue a c. 29r-v l’indice degli autori).

Descrizione interna


cc. 30r-33r


Autore:
Strinati, Malatesta <sec. 17./18.>
    Nomi sul manoscritto
    Licida Orcomenio, citato a c. 30r

Titolo identificato: Perché, Licida, mio, sì solitario

Titolo aggiunto: Egloga di Licida Orcomenio pastore arcade (c. 30r)

Titolo presente: Egloga di Licida Orcomenio interlocutori Alfesibeo e Licida (c. 31r)

Incipit : Perche, Licida, mio, sì solitario (c. 31rA)

Explicit : e per un colpo sol quercia non troncasi (c. 33rA)

Osservazioni:
cfr. Rime dell’avvocato Gio. Batt. Felice e di Faustina Maratti sua consorte, v. II, Napoli, tip. Giuseppe Cioffi, 1833, pp. 498-509.

Descrizione interna


c. 34r


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 34r

Titolo identificato: O rondinella, ch’or di qua dall’onde

Titolo presente: O rondinetta, ch’or di qua da l’onde (c. 34r)
Note: precede il testo: Di Alfesibeo Cario.

Incipit : O rondinetta, ch’or di qua da l’onde (c. 34r)

Explicit : rompere il gel, ch’à Ligurina in seno? (c. 34r)

Osservazioni:
cfr. Rime di Alfesibeo Cario custode d’Arcadia. Col catalogo, e chiaue de’ pastori Arcadi nominati in questa, e in altre opere dell’istesso autore..., In Roma, per Gio. Battista Molo, 1695, p. 4.

Descrizione interna


c. 35r


Autore:
Campello, Francesco Maria <1665-1759>
    Nomi sul manoscritto
    Logisto Nemeo, citato a c. 35r

Titolo presente: Nigella, e perché fuggi! Io pur la faccia (c. 35r)
Note: precede il testo: Di Logisto Nemeo.

Incipit : Nigella, e perché fuggi! Io pur la faccia (c. 35r)

Explicit : son di tua ferità glorie i miei pianti (c. 35r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Logisto Nemeo.

Descrizione interna


c. 36r


Autore:
Del_Nero, Paolo Antonio <1666-1718>
    Nomi sul manoscritto
    Siringo Reteo, citato a c. 36r

Titolo presente: Dormia stesa tra l’erba e le viole (c. 36r)
Note: precede il testo: Di Siringo Reteo.

Incipit : Dormia stesa tra l’erba e le viole (c. 36r)

Explicit : balenasse giamai focho più vivo (c. 36r)

Descrizione interna


c. 37r


Autore:
Barbuglia, Alessandro <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Arsenio Pironicio, citato a c. 37r

Titolo presente: Erasto mio nel di cui sen non cova (c. 37r)
Note: precede il testo: Arsenio Pironicio ad Erasto.

Incipit : Erasto mio nel di cui sen non cova (c. 37r)

Explicit : e poi diremo e viva Erasto e viva (c. 37r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: d’Arsenio Pironicio.

Descrizione interna


c. 38r


Autore:
Leers, Filippo <abate ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Sirilgo Ninfasio, citato a c. 38r

Titolo presente: Lieto agnellin che l’odorata sabbia (c. 38r)
Note: precede il testo: Di Sirilgo Ninfasio.

Incipit : Lieto agnellin che l’odorata sabbia (c. 38r)

Explicit : che specchio fù de suoi lucenti rai (c. 38r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Siralgo Ninfasio pastore arcade.

Osservazioni:
cfr. Rime degli Arcadi, v. I, In Roma, per Antonio Rossi alla piazza di Ceri, 1716, p. 218.

Descrizione interna


cc. 39r-40v


Autore:
Stampiglia, Silvio <1664-1725>
    Nomi sul manoscritto
    Palemone Licurio, citato a c. 39r

Titolo presente: Sotto l’ombra di un mirto (c. 39r)
Note: precede il testo: Di Palemone Licurio.

Incipit : Sotto l’ombra di un mirto (c. 39r)

Explicit : io vò morir (c. 40v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Palemone Licurio.

Descrizione interna


c. 41r


Autore:
Leers, Filippo <abate ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Sirilgo Ninfasio, citato a c. 41r

Titolo presente: O vago mirto che la verde faccia (c. 41r)
Note: precede il testo: Di Sirilgo Ninfasio.

Incipit : O vago mirto che la verde faccia (c. 41r)

Explicit : tù ferito dal nome, et io dà lei (c. 41r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Siralgo Ninfasio pastore arcade.

Descrizione interna


c. 42r


Autore:
Cavoni, Francesco <abate ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Erasto Mosobeo, citato a c. 42r

Titolo presente: E vero Arsenio mio, che in me non cova (c. 42r)
Note: precede il testo: Erasto Mosobeo in risposta ad Arsenio.

Incipit : E vero Arsenio mio, che in me non cova (c. 42r)

Explicit : morrò di poverta col vostro viva (c. 42r)

Descrizione interna


c. 45r


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 45r

Titolo presente: Snella cervetta, che affamata, e vaga (c. 45r)
Note: precede il testo: Di Alfesibeo Cario.

Incipit : Snella cervetta, che affamata, e vaga (c. 45r)

Explicit : cerco ’l rimedio, e no’l vorrei trovare. (c. 45r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Alfesibeo.

Descrizione interna


cc. 46r-47r


Autore:
Costa, Giovanbattista <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Ilisus Coriteus, citato a c. 46r

Titolo presente: Ruris votum elegia (c. 46r)
Note: precede il titolo: Ilisus Coriteus.

Incipit : Blandi rura vocant Zephiri plaudentibus alis (c. 46r)

Explicit : tot bona non ulli fata dedere viro (c. 47r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Ilisus Coriteus.

Descrizione interna


cc. 48r-49r


Autore:
Bambini, Francesco <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Damone Triteo, citato a c. 48r

Titolo presente: Era ancor dubbio il giorno (c. 48r)
Note: precede il testo: Di Damone Triteo.

Incipit : Era ancor dubbio il giorno (c. 48r)

Explicit : e nacque all’hora à un tempo istesso il sole (c. 49r)

Descrizione interna


c. 50r


Autore:
Stampiglia, Silvio <1664-1725>
    Nomi sul manoscritto
    Palemone Licurio, citato a c. 50r

Titolo presente: Di ramo in ramo tortorella errante (c. 50r)
Note: precede il testo: Di Palemone Licurio.

Incipit : Di ramo in ramo tortorella errante (c. 50r)

Explicit : e tù colomba esclamaresti al vento (c. 50r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Palemone Licurio.

Descrizione interna


c. 51r


Autore:
Cenni, Giacomo Maria <1651-1692>
    Nomi sul manoscritto
    Ameto Ninfadio , citato a c. 51r

Titolo presente: Io desidero allor, Bella, ch’io t’amo (c. 51r)

Titolo presente: Platonico d’Ameto Ninfadio (c. 51r)

Incipit : Io desidero allor, Bella, ch’io t’amo (c. 51r)

Explicit : in me il ricevo, ed al suo centro il rendo (c. 51r)

Osservazioni:
cfr. Comentarj del canonico Gio. Mario Crescimbeni custode d’Arcadia, intorno alla sua Istoria della volgar poesia. , v. III, In Venezia, presso Lorenzo Basegio, 1730, pp. 239-240.

Descrizione interna


c. 51v


Autore:
Berneri, Giuseppe <1634-1701>
    Nomi sul manoscritto
    Corimbo Pallantio, citato a c. 51v

Titolo presente: Dimmi, Nisa crudel, che t’ho fatt’io? (c. 51v)
Note: precede il testo: Di Corimbo Pallantio amante a Nisa che lo sdegna. Sonetto.

Incipit : Dimmi, Nisa crudel, che t’ho fatt’io? (c. 51v)

Explicit : che tal beltà, non haver vista mai (c. 51v)

Descrizione interna


c. 52r


Autore:
Bianciardi, Michelangelo Maria <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Sincero Partenio, citato a c. 52r

Titolo presente: Rivo che con tue fresche acque correnti (c. 52r)
Note: precede il testo: Di Sincero Partenio.

Incipit : Rivo che con tue fresche acque correnti (c. 52r)

Explicit : o più gradito adorerò il bel volto (c. 52r)

Descrizione interna


c. 52v


Autore:
Caffarelli, Giovanni Pietro <1638-1694>
    Nomi sul manoscritto
    Gallicio Melpeo, citato a c. 52v

Titolo presente: O cure fosche, o torbidi pensieri (c. 52v)
Note: precede il testo: Di Gallicio Melpeo.

Incipit : O cure fosche, o torbidi pensieri (c. 52v)

Explicit : mi rapiscon Rosilla idolo mio (c. 52v)

Descrizione interna


c. 53r


Autore:
Capocaccia, Antonio <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Inno Parebasio, citato a c. 53r

Titolo presente: Qua, dove all’ombra il faticato armento (c. 53r)
Note: precede il testo: Inno invita Tisbe al suo prato. Sonetto.

Incipit : Qua, dove all’ombra il faticato armento (c. 53r)

Explicit : soffia l’aura, eco è muta, il suol si sfiora (c. 53r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: è d’Inno Parebasio.

Descrizione interna


c. 54r


Autore:
Somai, Angelo Antonio <abate ; 1668-1745>
    Nomi sul manoscritto
    Ila Orestasio, citato a c. 54r

Titolo presente: Bella, non più cantando in suon selvaggio (c. 54r)

Incipit : Bella, non più cantando in suon selvaggio (c. 54r)

Explicit : che ti rubbò del Calderino il nido (c. 54r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Ila Orestasio.

Descrizione interna


c. 55r


Autore:
Giubilei, Pietro <m. 1698>
    Nomi sul manoscritto
    Egone Cerausio, citato a c. 55r

Titolo presente: L’altr’hier tornando al tramontar del sole (c. 55r)
Note: precede il testo: Egone Cerausio inviando à Sireno alcune poche cosciotte.

Incipit : L’altr’hier tornando al tramontar del sole (c. 55r)

Explicit : col latte della greggia, ò della mano (c. 55r)

Descrizione interna


c. 55v


Autore:
Stampiglia, Silvio <1664-1725>
    Nomi sul manoscritto
    Palemone Licurio, citato a c. 55v

Titolo presente: Ecco la pianta a cui ferì la fronte (c. 55v)
Note: precede il testo: Di Palemone Licurio.

Incipit : Ecco la pianta a cui ferì la fronte (c. 55v)

Incipit : mi presenta su gl’occhi un grave orrore (c. 55v)
Nota all'incipit: segue il nome dell’autore: Palemone Licurio.

Osservazioni:
cfr. Rime degli Arcadi, v. II, In Roma, per Antonio Rossi alla piazza di Ceri, 1716, p. 370.

Descrizione interna


c. 56r


Autore:
Leonio, Vincenzo <1650-1720>
    Nomi sul manoscritto
    Uranio Tegeo, citato a c. 56r

Titolo presente: Mentre oggi, o Filli, a pascer l’agne inteso (c. 56r)
Note: precede il testo: D’Uranio Tegeo.

Incipit : Mentre oggi, o Filli, a pascer l’agne inteso (c. 56r)

Explicit : dà rami, onde pendea, lieto il divido (c. 56r)
Nota all'explicit: seguono sette righe di scrittura depennata.

Descrizione interna


c. 56v


Autore:
Figari, Pompeo <abate ; ca. 1650-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Montano Falanzio, citato a c. 56v

Titolo presente: Diceami Egone Ah non lasciar Montano (c. 56v)
Note: precede il testo: Montano Falanzio per la crudeltà di Lidia.

Incipit : Diceami Egone Ah non lasciar Montano (c. 56v)

Explicit : o che stan le cittadine ancor nel bosco (c. 56v)

Descrizione interna


c. 56v


Autore:
Figari, Pompeo <abate ; ca. 1650-1730>

Titolo presente: Volgi i bei lumi onde a me tanto piaci (c. 56v)
Note: precede il testo: L’istesso.

Incipit : Volgi i bei lumi onde a me tanto piaci (c. 56v)

Explicit : da’ i cervi il corso, a da’ i colombi il volo (c. 56v)

Descrizione interna


c. 57r


Autore:
Guaccimanni, Giuseppe Giusto <abate ; 1652-1705>
    Nomi sul manoscritto
    Melibeo Pithio, citato a c. 57r

Titolo presente: Da un bel desio di piu saper trafitto (c. 57r)
Note: precede il testo: Di Melibeo Pithio Filalma a Licida.

Incipit : Da un bel desio di piu saper trafitto (c. 57r)

Explicit : se giri le cure a la pensosa Atene (c. 57r)

Descrizione interna


c. 57v


Autore:
Paolucci, Benedetto <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Ircano Lampeo, citato a c. 57v

Titolo presente: Alessi, Alessi, io pur ti trovo al fine (c. 57v)
Note: precede il testo: Di Ircano Lampeo.

Incipit : Alessi, Alessi, io pur ti trovo al fine (c. 57v)

Explicit : l’infami lupe, e l’inocenti agnelle (c. 57v)

Descrizione interna


c. 58r


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 58r

Titolo presente: Pien d’amaro pensier dolce desio (c. 58r)
Note: precede il testo: Alfesibeo Cario così cantò.

Incipit : Pien d’amaro pensier dolce desio (c. 58r)

Explicit : e vinto ardisco, e vincita pavento? (c. 58r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Alfesibeo.

Descrizione interna


c. 58v


Autore:
Caraccio, Antonio <1630-1702>
    Nomi sul manoscritto
    Lacone Cromizio, citato a c. 58v

Titolo presente: Bella ninfa, che va per acqua al fonte (c. 58v)
Note: precede il testo: Sonetto di Lacone Cromizio.

Incipit : Depon qui l’urna, e siano questi antri scabri (c. 58v)

Explicit : la sete di quest’onda, e del mio pianto (c. 58v)


ms.1, unità codicologica 3


Carte 59-82.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 59r-82r Ragunanza IXa generale nel Bosco Parrasio (titolo presente a c. 59r, segue a c. 60r l’indice degli autori).

Descrizione interna


cc. 61r-63v


Autore:
Del_Nero, Paolo Antonio <1666-1718>
    Nomi sul manoscritto
    Siringo Reteo, citato a c. 61r

Titolo presente: Poiché novo desire a dir mi mena (c. 61r)
Note: Precede il testo: In morte della regina di Svezia. Siringo Reteo.

Incipit : Poiché novo desire a dir mi mena (c. 61r)

Explicit : il vostro canto (c. 63r)

Descrizione interna


cc. 65r-71r


Autore:
Cascina, Giuseppe Maria <1653-1706>
    Nomi sul manoscritto
    Lacrito Scotaneo, citato a c. 65r

Titolo presente: O della nostra etade (c. 65r)
Note: precede il testo: Canzone. Di Lacrito Scotaneo.

Incipit : O della nostra etade (c. 65r)

Explicit : a lei; ch’un grato cuor del cielo è degno (c. 71r)

Descrizione interna


c. 73r


Autore:
Palmieri, Francesco <1659-1701>
    Nomi sul manoscritto
    Talgone Craneo, citato a c. 73r

Titolo presente: Un dì, chiedeva à Giove (c. 73r)
Note: precede il testo: Talgone Craneo.

Incipit : Un dì, chiedeva à Giove (c. 73r)

Explicit : per via dell’opre come fé Cristina (c. 73r)

Descrizione interna


c. 75r


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 75r

Titolo presente: Volea poch’anzi in quella scorza elcina (c. 75r)
Note: precede il testo: Alfesibeo Cario.

Incipit : Volea poch’anzi in quella scorza elcina (c. 75r)

Explicit : che la dea de le ninfe à qui soggiorno (c. 75r)

Descrizione interna


c. 75v


Autore:
Somai, Angelo Antonio <abate ; 1668-1745>
    Nomi sul manoscritto
    Ila Orestasio, citato a c. 75v

Titolo presente: Ecco il grand’alber, che la sua nativa (c. 75v)
Note: precede il testo: Ila Orestasio.

Incipit : Ecco il grand’alber, che la sua nativa (c. 75v)

Explicit : se Christina dal ciel fra noi scendesse? (c. 75v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Ila Orestasio.

Descrizione interna


c. 76r


Autore:
Leers, Filippo <abate ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Siralgo Ninfasio, citato a c. 76r

Titolo presente: Diceami Alcon ne la mia prima etade (c. 76r)
Note: precede il testo: Siralgo Ninfasio.

Incipit : Diceami Alcon ne la mia prima etade (c. 76r)

Explicit : credendo che nel sol fosse Cristina (c. 76r)

Descrizione interna


c. 76v


Autore:
Leers, Filippo <abate ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Siralgo Ninfasio, citato a c. 76v

Titolo presente: Questo è quel bosco, e questi sono i faggi (c. 76v)
Note: precede il testo: Siralgo Ninfasio.

Incipit : Questo è quel bosco, e questi sono i faggi (c. 76v)

Explicit : l’aura e l’onda quaggiù di lei favella (c. 76v)

Descrizione interna


c. 77r


Autore:
Guaccimanni, Giuseppe Giusto <abate ; 1652-1705>
    Nomi sul manoscritto
    Melibeo Pitio, citato a c. 77r

Titolo presente: Ad Anastria protettrice degli arcadi ne’ giorni anniversarij de suoi funerali. La opinione di coloro che dalla congerie degli atomi credettero il mondo fabricato a caso (c. 77r)
Note: precede il testo: Melibeo Pitio.

Incipit : Fù pria d’atomi sparsi alta congiura (c. 77r)

Explicit : alma del mondo, e providenza eterna (c. 77r)
Nota all'explicit: segue il nome dell'autore: Di Giuseppe Giusto Guaccimanni detto tra gli arcadi Melibeo Pitio.

Descrizione interna


c. 77v


Autore:
Maggio, Melchiorre <sec. 17./18.>
    Nomi sul manoscritto
    Dameta Clitorio, citato a c. 77v

Titolo presente: Piangete sempre homai ninfe, e pastori (c. 77v)
Note: precede il testo: Dameta Clitorio.

Incipit (testo) : Piangete sempre homai ninfe, e pastori (c. 77v)

Explicit : e risuonin le valli alti lamenti (c. 77v)

Descrizione interna


c. 78r


Autore:
Caffarelli, Giovanni Pietro <1638-1694>
    Nomi sul manoscritto
    Gallicio Melpeo, citato a c. 78r

Titolo presente: Con cetra incolta in amoroso stile (c. 78r)
Note: precede il testo: Galliccio Melpeo lascia di cantar gli amori di Rosilla per lodar Cristina.

Incipit : Con cetra incolta in amoroso stile (c. 78r)

Explicit : qui lodar non si può, se non Cristina (c. 78r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: di Gallicio Melpeo.

Descrizione interna


c. 79r


Autore:
Paolucci, Benedetto <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Ircano Lampeo, citato a c. 79r

Titolo presente: Spirto real che queste selve honori (c. 79r)
Note: precede il testo: Ircano Lampeo.

Incipit : Spirto real che queste selve honori (c. 79r)

Explicit : altro che sospirar nulla n’avanza (c. 79r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Ircano Lampeo.

Osservazioni:
cfr. Rime degli Arcadi, v. V, In Roma, per Antonio Rossi alla piazza di Ceri, 1717, p. 332.

Descrizione interna


c. 79v


Autore:
Leonio, Vincenzo <1650-1720>
    Nomi sul manoscritto
    Uranio Tegeo, citato a c. 79v

Titolo presente: Spirto immortal, che forse ancor t’aggiri (c. v)
Note: precede il testo: Uranio Tegeo.

Incipit : Spirto immortal, che forse ancor t’aggiri (c. 79v)

Explicit : ove non suoni del tuo nome il grido? (c. 79v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Uranio Tegeo.

Osservazioni:
cfr. Scelta di sonetti e canzoni de’ piu eccellenti rimatori d'ogni secolo... , v. III, In Venezia, presso Lorenzo Baseggio, 1739, p. 552.

Descrizione interna


c. 80r


Autore:
Figari, Pompeo <abate ; ca. 1650-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Montano Falinzio, citato a c. 80r

Titolo presente: Qual è quell’ombra maestosa, e bella (c. 80r)
Note: precede il testo: Montano Falinzio a i pastori d’Arcadia tutti intenti a cantar le glorie di Cristina.

Incipit : Qual è quell’ombra maestosa, e bella (c. 80r)

Explicit : esser alma sì grande alma d’un mondo (c. 80r)

Osservazioni:
cfr. Cristina di Svezia e Roma. Atti del simposio tenuto all’Istituto Svedese di Studi Classici a Roma, 5-6 ottobre 1995, a cura di Borje Magnusson, Stockholm, [s.n.], 1999, p. 176.

Descrizione interna


c. 80v


Autore:
Campello, Francesco Maria <1665-1759>
    Nomi sul manoscritto
    Logisto Nemeo, citato a c. 80v

Titolo presente: Io non credea, ch’alle stellanti sfere (c. 80r)
Note: precede il testo: Logisto Nemeo.

Incipit : Io non credea, ch’alle stellanti sfere (c. 80v)

Explicit : arder di gloria voi, d’invidia i regi (c. 80v)

Descrizione interna


c. 82r


Autore:
Quilici, Giovanni Leonardo <sec. 17./18.>
    Nomi sul manoscritto
    Melisso Liceo, citato a c. 82r

Titolo presente: Se trà fiori susurra aura odorosa (c. 82r)
Note: precede il testo: Melisso Liceo dedica alla sua ninfa l’opere sue pastorali. Sonetto proemiale.

Incipit : Se trà fiori susurra aura odorosa (c. 82r)

Explicit : della zampogna mia pur t’offro il suono (c. 82r)


ms.1, unità codicologica 4


Carte 83-131.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 83r-131v Ragunanza Xa (titolo presente a c. 83r, segue a c. 84r l’indice degli autori).

Descrizione interna


cc. 86r-94v


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 86r

Titolo identificato: Pan nella spelonca d’Erasto

Titolo presente: Pan nella spelonca d’Erasto (c. 86r)
Note: segie: ditirambo di Alfesibeo Cario.

Incipit : Mentre ieri (c. 86r)

Explicit : ned an gli stessi dei difesa, o scudo (c. 94v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Alfesibeo.

Osservazioni:
cfr. Rime di Alfesibeo Cario custode d’Arcadia. Col catalogo, e chiaue de’ pastori Arcadi nominati in questa, e in altre opere dell’istesso autore... , In Roma, per Gio. Battista Molo, 1695, pp. 186-204.

Descrizione interna


cc. 97r-103r


Autore:
Buonconti, Giovanni Battista <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Leucippo Alesio, citato a c. 97r

Titolo aggiunto: Egloga pastorale (c. 97r)
Note: segue: di Gio. Battista Buonconti detto Leucippo Alesio.

Titolo presente: Leve vedi dell’aspro, e tormentoso ardore (c. 98r)

Titolo presente: Egloga. Leucippo et Idalia (c. 98r)

Incipit : Leve vedi dell’aspro, e tormentoso ardore (c. 98r)

Explicit : se in lei verrebbe lo sdegno, in me il dolore (c. 103r)

Descrizione interna


cc. 107r-108r


Autore:
Magnani, Giovanni Antonio <canonico ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Saliunco Feneio, citato a c. 107r

Titolo presente: Greggia un tempo delizia, or noia, e pena (c. 107r)
Note: precede il testo: Di Saliunco Feneio egloga.

Incipit : Greggia un tempo delizia, or noia, e pena (c. 107r)

Explicit : dirrò ch’ò non sei ninfa, ò non ai core (c. 108r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Di Saliunco Feneo.

Descrizione interna


cc. 109r-110r


Autore:
Sacchetti, Matteo <1675-1743>
    Nomi sul manoscritto
    Eugenio Aleio, citato a c. 109r

Titolo presente: Quando ale luci tue m’affiso, e quando (c. 109r)
Note: precede il testo: Eugenio Aleio canzone.

Incipit : Quando ale luci tue m’affiso, e quando (c. 109r)

Explicit : de i dolci sguardi, e del suo giusto amore (c. 110r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Eugenio Aleio.

Descrizione interna


cc. 111r-112v


Autore:
Strozzi, Leone <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Nitilus Geresteus, citato a c. 111r

Titolo presente: Arcadum ex Exquilijs ad Janiculum transmigratio (c. 111r)
Note: segue il titolo: Nitili Gerestei ecloga.

Incipit : Nuper ab exquilijs superata Tibridis unda (c. 111r)

Explicit : vilis fucus apes, aequabit contra olim (c. 112v)

Descrizione interna


cc. 113r-114r


Autore:
Strozzi, Leone <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Nitilius Geresteus, citato a c. 114r

Titolo presente: Arcadum ex Exquilijs ad Janiculum transmigratio (c. 113r)

Incipit : Longum iter emensi, superata Tibridis unda (c. 113r)

Explicit : et totus fiet de in vestra colonia mundus (c. 114r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Nitilius Geresteus.

Descrizione interna


c. 117r


Autore:
Aquino, Carlo : d' <S.I. ; 1654-1737>
    Nomi sul manoscritto
    Alcon Syrius, citato a c. 117r

Titolo presente: Certantes animosa deas cum vixa teneret (c. 117r)
Note: precede il testo: Alcon Syrius.

Incipit : Certantes animosa deas cum vixa teneret (c. 117r)

Explicit : heroum meritis; equus at ille fuit (c. 117r)

Descrizione interna


c. 118r


Autore:
Menzini, Benedetto <1646-1704>
    Nomi sul manoscritto
    Euganio Libade, citato a c. 118r

Titolo presente: Questo bel vaso d’arte, e d’ornamento (c. 118r)
Note: precede il testo: Di Euganio Libade.

Incipit : Questo bel vaso d’arte, e d’ornamento (c. 118r)

Explicit : perdita il biasmo sia, premio la lode (c. 118r)

Descrizione interna


c. 118v


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 118v

Titolo presente: Questo, ch’or per voi beo, dolce liquore (c. 118v)
Note: precede il testo: Brindisi d’Alfesibeo Cario a Ierasto Tritonio.

Incipit : Questo, ch’or per voi beo, dolce liquore (c. 118v)

Explicit : che fate, o mio Ierasto, in terra fede (c. 118v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Alfesibeo.

Descrizione interna


c. 119r


Autore:
Gioia, Antonio Maria <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Faustulo Geronteo, citato a c. 119r

Titolo presente: Quando lungi da voi le piante io poso (c. 119r)
Note: precede il testo: A Telesila Faustulo Geronteo pastore.

Incipit : Quando lungi da voi le piante io poso (c. 119r)

Explicit : verso l’eterno ben ratto s’invia (c. 119r)

Descrizione interna


c. 119v


Autore:
Campello, Francesco Maria <1665-1759>
    Nomi sul manoscritto
    Logisto Nemeo, citato a c. 119v

Titolo presente: Saggio Licida il tuo parlar sincero (c. 119v)
Note: precede il testo: Logisto Nemeo.

Incipit : Saggio Licida il tuo parlar sincero (c. 119v)

Explicit : unir tanta virtù, se non virtude (c. 119v)

Descrizione interna


c. 120r


Autore:
Muniaci, Domenico <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Sicelio Caraceo, citato a c. 120r

Titolo presente: Ben hai donde goder Genua felice (c. 120r)
Note: precede il testo: Sicelio Caraceo.

Incipit : Ben hai donde goder Genua felice (c. 120r)

Explicit : si dolce in me risuona e’l fiume, e’l vento (c. 120r)

Descrizione interna


c. 120v


Autore:
Muniaci, Domenico <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Sicelio Caraceo, citato a c. 120v

Titolo presente: Λιγυῤιασ διωμεισ ὒμνειω πεντε γεῤοντων (c. 120v)
Note: precede il testo: Sicelio Caraceo.

Incipit : Λιγυῤιασ διωμεισ ὒμνειω πεντε γεῤοντων (c. 120v)

Explicit : εἰσ ἀυτὠν ὒμνεσ τὀ σομα σε δεδεται (c. 120v)

Descrizione interna


c. 121r


Autore:
Quilici, Giovanni Leonardo <sec. 17./18.>
    Nomi sul manoscritto
    Melisso Liceo, citato a c. 121r

Titolo presente: Dissi non voglio amar, e già rivolto (c. 121r)
Note: precede il testo: Di Melisso Liceo.

Incipit : Dissi non voglio amar, e già rivolto (c. 121r)

Explicit : non voglio amare, e amo in lontananza (c. 121r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Melisso Liceo.

Descrizione interna


c. 122r


Autore:
Figari, Pompeo <abate ; ca. 1650-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Montano Falanzio, citato a c. 122r

Titolo presente: Pastori voi, che la felice greggia (c. 122r)
Note: precede il testo: Montano Falanzio pastore dell’Arcadia ai pastori della Liguria per la felice estrazione de’ cinque novelli eccellentissimi senatori di quella serenissima repubblica sonetto.

Incipit : Pastori voi, che la felice greggia (c. 122r)

Explicit : parve dono del caso, e fù del merto (c. 122r)

Descrizione interna


c. 123r


Autore:
Maggio, Melchiorre <sec. 17./18.>
    Nomi sul manoscritto
    Dameta Clitorio, citato a c. 123r

Titolo presente: Sotto una quercia là presso à quel rio (c. 123r)
Note: precede il testo: Dameta Clitorio.

Incipit : Sotto una quercia là presso à quel rio (c. 123r)

Explicit : ché ’l grand’epico applaude al nostro canto (c. 123r)

Descrizione interna


c. 128r


Autore:
Leers, Filippo <abate ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Siralgo Ninfasio, citato a c. 128r

Titolo presente: Dormia stanca Licori, ove stendea (c. 128r)
Note: precede il testo: Sonetto.

Incipit : Dormia stanca Licori, ove stendea (c. 128r)

Explicit : tel ritorria, se costei gli occhi aprisse (c. 128r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Siralgo Ninfasio pastore arcade.

Descrizione interna


c. 128v


Autore:
Strozzi, Leone <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Nitilius Geresteus, citato a c. 128v

Titolo presente: Pegaseo tu dignus equo, non dignus asello (c. 128v)
Note: precede il testo: Nitilius Geresteus ad Alphesibeum Carium Arcadię custodem in transmigratione Arcadum ab Exquilijs ad Janiculum.

Incipit : Pegaseo tu dignus equo, non dignus asello (c. 128v)

Explicit : dignus est à cygnis Alphesibee vechi (?) (c. 128v)

Descrizione interna


c. 129r


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 129r

Titolo presente: Questo vergine ancor bel nappo d'orno (c. 129r)
Note: precede il testo: Brindisi d’Alfesibeo Cario pastore arcade ad Aristeo Crathio compastore.

Incipit : Questo vergine ancor bel nappo d'orno (c. 129r)

Explicit : fo con questo in tuo nome ampio lavacro (c. 129r)

Descrizione interna


c. 129v


Autore:
Cavoni, Francesco <abate ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Erastus Mesobeus, citato a c. 129v

Titolo presente: Sylvestrem precor Erastus modo sumat avenam (c. 129v)
Note: precede il testo: Erastus Mesobeus.

Incipit : Sylvestrem precor Erastus modo sumat avenam (c. 129v)

Explicit : Titirus inquit; at hęc Titirus ipse potest (c. 129v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Erastus Mesobeus.

Descrizione interna


c. 130r-v


Autore:
Figari, Pompeo <abate ; ca. 1650-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Montano Falanzio, citato a c. 130r

Titolo presente: Timeta oh di quai almi contenti (c. 130r)
Note: precede il testo: Montano Falanzio al saggio et onorabil pastore Timeta Eupagio per li suoi versi latini cantati nella ragunanza passata sonetto.

Incipit : Timeta oh di quai almi contenti (c. 130r)

Explicit : sprezzeresti superba il mondo intero (c. 130v)

Descrizione interna


c. 131r


Autore:
Taia, Agostino Maria <abate ; m. 1717>
    Nomi sul manoscritto
    Silvio, citato a c. 131r

Titolo presente: Io vo cercando in ogni parte espressa (c. 131r)
Note: precede il testo: Silvio a Dori.

Incipit : Io vo cercando in ogni parte espressa (c. 131r)

Explicit : caderà poscia intorva informe e frale (c. 131r)

Descrizione interna


c. 131v


Autore:
Taia, Agostino Maria <abate ; m. 1717>
    Nomi sul manoscritto
    Silvio, citato a c. 131v

Titolo presente: O chi entro cui si specchia il ciel sereno (c. 131v)
Note: precede il testo: Silvio a Dori.

Incipit : O chi entro cui si specchia il ciel sereno (c. 131v)

Explicit : l’imago nemica del suo […] fiume (c. 131v)


ms.1, unità codicologica 5


Carte 132-148.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 132r-148r Ragunanza XIa generale nel Bosco Parrasio (titolo presente a c. 132r, segue a c. 133r l’indice degli autori).

Descrizione interna


cc. 134r-135v


Autore:
Buonarroti, Filippo <1661-1733>
    Nomi sul manoscritto
    Lico Mantineo, citato a c. 134r

Titolo presente: È tanta la cura che a delle cose nostre (c. 134r)
Note: precede il testo: Di Lico Mantineo pastore arcade. Trattenimento per la ragunanza.

Incipit : È tanta la cura che a delle cose nostre (c. 134r)

Explicit : gli antichi e valenti nostri maggiori (c. 135v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Lico Mantineo.

Descrizione interna


cc. 136r-138v


Autore:
Menzini, Benedetto <1646-1704>
    Nomi sul manoscritto
    Euganio Libade, citato a c. 136r

Titolo presente: Dialogo pastorale (c. 136r)
Note: precede il testo: Di Euganio Libade pastore arcade. Euganio - Fronimo - Idante.

Incipit : Dimmi saggio pastore (c. 136r)

Explicit : chi non intende Amore (c. 138v)

Descrizione interna


cc. 139r-141r


Autore:
Paolucci, Giuseppe <1661-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Alessi Cillenio, citato a c. 139r

Titolo presente: Tirsi in van chiedi e tenti (c. 139r)
Note: precede il testo: Alessi Cillenio.

Incipit : Tirsi in van chiedi e tenti (c. 139r)

Explicit : lo splendor di quei lumi, e di quel volto (c. 141r)

Descrizione interna


c. 142r


Autore:
Ottoboni, Antonio <1646-1720>
    Nomi sul manoscritto
    Eneto Ereo, citato a c. 142r

Titolo presente: Langue il mio cor nell’amorosa febre (c. 142r)
Note: precede il testo: Di Eneto Ereo Pastore.

Incipit : Langue il mio cor nell’amorosa febre (c. 142r)

Explicit : sarà eterno quel labro entro il mio libro (c. 142r)

Descrizione interna


c. 143r


Autore:
Cascina, Giuseppe Maria <1653-1706>
    Nomi sul manoscritto
    Lacrito Scotaneo, citato a c. 142v

Titolo presente: Dafne nuda le braccia, e il piede scalza (c. 143r)
Note: precede il testo: Lacrito Scotaneo.

Incipit : Dafne nuda le braccia, e il piede scalza (c. 143r)

Explicit : ma nò: quegl’occhj incendieriano il mondo (c. 143r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Lacrito Scotaneo.

Descrizione interna


c. 143v


Autore:
Cavoni, Francesco <abate ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Erastus Mosobeus, citato a c. 143v

Titolo presente: Audijt Arcadiosus Phebus ab ethere vates (c. 143v)
Note: precede il testo: Erastus Mosobeus.

Incipit : Audijt Arcadiosus Phebus ab ethere vates (c. 143v)

Explicit : sed pretiosa magis munera mitte lyram (c. 143v)

Descrizione interna


c. 144r-v


Autore:
Magnani, Giovanni Antonio <canonico ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Saliunco Feneio, citato a c. 144r

Titolo presente: Ten fuggisti augelletto, e ti nascondi (c. 144r)
Note: precede il testo: Saliunco Feneio.

Incipit : Ten fuggisti augelletto, e ti nascondi (c. 144r)

Explicit : s’ella piangesse alla mia fuga ancora (c. 144v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Di Saliunco Feneo.

Descrizione interna


c. 145r


Autore:
Del_Torto, Gaspare <sec. 17. 2. metà>
    Nomi sul manoscritto
    Eriscrato Basseo, citato a c. 145r

Titolo presente: Ò selve, ò boschi, ò valli ombrose, e amene (c. 145r)
Note: precede il testo: Eriscrato Basseo sfortunatissimo pastore nella corrispondenza della sua ninfa così parla. Sonetto.

Incipit : Ò selve, ò boschi, ò valli ombrose, e amene (c. 145r)

Explicit : ò consenta d’amarmi, ò almen’ m’uccida (c. 145r)

Descrizione interna


c. 146r


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 146r

Titolo presente: Montan ier mi dicea: se la gentile (c. 146r)
Note: precede il testo: Per la meravigliosa bellezza a Florilla ninfa del bisogno poch’anzi condotta in Arcadia dal nostro gentilissimo compastore Erminio Tolidio. Di Alfesibeo Cario.

Incipit : Montan ier mi dicea: se la gentile (c. 146r)

Explicit : d’aprire il dì, già con Florilla intorno (c. 146r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Alfesibeo Cario custode d’Arcadia.

Osservazioni:
cfr. Rime di Alfesibeo Cario custode d’Arcadia. Col catalogo, e chiaue de’ pastori Arcadi nominati in questa, e in altre opere dell'istesso autore..., In Roma, per Gio. Battista Molo, 1695, p. 14.

Descrizione interna


c. 146v


Autore:
Lana, Niccolò <sec. 17. 2. metà>
    Nomi sul manoscritto
    Licinno Anemosio, citato a c. 146v

Titolo presente: Mentre Clizia la bella un chiaro rio (c. 146v)
Note: precede il testo: Licinno Anemosio.

Incipit : Mentre Clizia la bella un chiaro rio (c. 146v)

Explicit : ch’una ha finto il bel volto, l’altra il core (c. 146v)

Descrizione interna


c. 147r


Autore:
Stampiglia, Silvio <1664-1725>
    Nomi sul manoscritto
    Palemone Licurio, citato a c. 147r

Titolo presente: Quell’agnelletta che vezzosa tanto (c. 147r)
Note: precede il testo: Palemone Licurio.

Incipit : Quell’agnelletta che vezzosa tanto (c. 147r)

Explicit : e il mio bel sol non hò veduto ancora (c. 147r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Palemone Licurio.

Osservazioni:
cfr. Scelta di sonetti e canzoni de’ piu eccellenti rimatori d’ogni secolo, v. III, In Bologna, per Costantino Pisarri sotto le Scuole, 1718, p. 459.

Descrizione interna


c. 147v


Autore:
Somai, Angelo Antonio <abate ; 1668-1745>
    Nomi sul manoscritto
    Ila Orestasio, citato a c. 147v

Titolo presente: La mia cara nemica altera e schiva (c. 147v)
Note: precede il testo: Di Ila Orestasio.

Incipit : La mia cara nemica altera e schiva (c. 147v)

Explicit : perch’io le spiaccia le rivolge altrove (c. 147v)

Osservazioni:
cfr. Rime degli Arcadi, v. I, In Roma, per Antonio Rossi alla piazza di Ceri, 1716, p. 195.

Descrizione interna


c. 148r


Autore:
Buonaccorsi, Giacomo <sec. 17./18.>
    Nomi sul manoscritto
    Astilo Fezzoneo, citato a c. 148r

Titolo presente: Era l’anima mia libera e sciolta (c. 148r)

Incipit : Era l’anima mia libera e sciolta (c. 148r)

Explicit : la dolce età, che in libertate io vissi (c. 148r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Astilo Fezzoneo.


ms.1, unità codicologica 6


Carte 151-153.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 151r-153r Ragunanza generale nel Bosco Parrasio convocata, e poi sciolta, e trasportata (titolo presente a c. 151r, segue a c. 152r l’indice degli autori).

Descrizione interna


c. 153r


Autore:
Strozzi, Leone <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Nitilius Geresteus, citato a c. 153r

Titolo presente: 4° idus julij et arcades Atticus Sincerius celebratii silverunt ob summum Romanum pastorem electum (c. 153r)

Incipit : Pastori summo pastores cedimus omnes (c. 153r)

Explicit : et pro sincero pontifice colimus (c. 153r)
Nota all'explicit: segue il nome dell'autore: sic cecinit Nitilius Geresteus arcas.


ms.1, unità codicologica 7


Carte 155-184.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 155r-184v Ragunanza XIIa generale nel Bosco Parrasio (titolo presente a c. 155r, segue a c. 156r l’indice degli autori).

Descrizione interna


c. 157r


Autore:
Christina <regina di Svezia ; 1626-1689>
    Nomi sul manoscritto
    Basilissa, citato a c. 157r

Titolo presente: Io sono il tempo alato (c. 157r)
Note: precede il testo: Versi di Basilissa.

Incipit : Io sono il tempo alato (c. 157r)

Explicit : ancor tu sparirai (c. 157r)
Nota all'explicit: segue: I suddetti versi sono di Basilissa dati da lei a me infrascritto, e da me detti ad Alfesibeo Cario nostro custode, che di suo pugno gli ha scritti. Erilo Cloneo pastore arcade.

Osservazioni:
cfr. Comentarj di Gio. Mario de’ Crescimbeni collega dell’imperiale Accademia Leopoldina, e custode d’Arcadia intorno alla sua istoria della volgar poesia, v. III, In Roma, per Antonio de’ Rossi alla piazza di Ceri, 1711, pp. 323-324.

Descrizione interna


cc. 159r-162v


Autore:
Taia, Agostino Maria <abate ; m. 1717>
    Nomi sul manoscritto
    Silvio Pereteo, citato a c. 159r

Titolo presente: Cicalata (c. 159r)
Note: precede il titolo: Silvio Pereteo a pastori d’Arcadia.

Incipit : Già si tacevano gli uccelletti (c. 159r)

Explicit : in esso si contenghino le mie vergogne (c. 162v)

Descrizione interna


c. 163r


Titolo presente: Inno Parebasio (c. 163r)

Incipit : Alle sponde del rio, la ve più folto (c. 163r)

Explicit : splendere in cielo il sol, s’il sol qui dorme (c. 163r)

Descrizione interna


c. 164r


Autore:
Figari, Pompeo <abate ; ca. 1650-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Montano Falinzio, citato a c. 164r

Titolo presente: Che fai Logisto? E non ti dice il core (c. 164r)
Note: precede il testo: Si raguaglia Logisto Nemeo nell’infermità della sua ninfa. Sonetto.

Incipit : Che fai Logisto? E non ti dice il core (c. 164r)

Explicit : tu la vita sarai de la tua vita (c. 164r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Montano Falinzio.

Descrizione interna


c. 164v


Autore:
Figari, Pompeo <abate ; ca. 1650-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Montano Falinzio, citato a c. 164v

Titolo presente: Titiro, ecco quel giorno, ah non l’offuschi (c. 164v)
Note: precede il testo: Al nostro erudito compastore Titiro Ninfalio. S’invita a celebrare l’anniversario natalizio del famoso antico pastore Azio Sincero Sannazaro. Sonetto.

Incipit : Titiro, ecco quel giorno, ah non l’offuschi (c. 164v)

Explicit : e d’un Titiro gli applausi eterno in morte (c. 164v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Montano Falinzio.

Descrizione interna


c. 165r


Autore:
Della_Stufa, Paolo <abate ; m. 1711>
    Nomi sul manoscritto
    Sileno Perrasio, citato a c. 165r

Titolo presente: Il soave splendor, che dal sereno (c. 165r)
Note: precede il testo: Di Sileno Perrasio.

Incipit : Il soave splendor, che dal sereno (c. 165r)

Explicit : dal gran viaggio, e pur ti trova bello (c. 165r)

Descrizione interna


c. 166r


Autore:
Strozzi, Leone <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Nitilo Geresteo, citato a c. 166r

Titolo presente: Più dell’usato istabile fremea (c. 166r)
Note: precede il testo: Nitilo Geresteo.

Incipit : Più dell’usato istabile fremea (c. 166r)

Explicit : arder l’onda vorria, struggersi il fuoco (c. 166r)

Descrizione interna


c. 166v


Autore:
Paolucci, Benedetto <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Ircano Lampeo, citato a c. 166v

Titolo identificato: Ognor, che te rivedo, o di mia vita

Incipit : Ogn’hor che te rivedo o di mia vita (c. 166v)

Explicit : mille fulmini veneva al tuo bel ciglio (c. 166v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Ircano Lampeo.

Osservazioni:
cfr. Rime degli Arcadi, v. V, In Roma, per Antonio Rossi alla piazza di Ceri, 1717, p. 333.

Descrizione interna


cc. 167r-168v


Autore:
Leonio, Vincenzo <1650-1720>
    Nomi sul manoscritto
    Uranio Tegeo, citato a c. 167r

Titolo presente: O ruscelletto avventuroso a pieno (c. 167r)
Note: precede il testo: Uranio Tegeo.

Incipit : O ruscelletto avventuroso a pieno (c. 167r)

Explicit : l’amata mia Filli impresso il volto (c. 168v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Uranio Tegeo.

Descrizione interna


c. 169r


Autore:
Somai, Angelo Antonio <abate ; 1668-1745>
    Nomi sul manoscritto
    Ila Orestasio, citato a c. 169r

Titolo presente: Pensando al tuo bel viso honesto e santo (c. 169r)

Incipit : Pensando al tuo bel viso honesto e santo (c. 169r)

Explicit : e non sarei nel desir’ mio più solo (c. 169r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Ila Orestasio.

Descrizione interna


c. 169v


Autore:
Stampiglia, Silvio <1664-1725>
    Nomi sul manoscritto
    Palemone Licurio, citato a c. 169v

Titolo presente: Poiche sdegnommi il mio bramato bene (c. 169v)

Incipit : Poiche sdegnommi il mio bramato bene (c. 169v)

Explicit : corse a sentir se palpitava il core (c. 169v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Palemone Licurio.

Descrizione interna


c. 170r


Autore:
Bussi, Luciano <m. 1709>
    Nomi sul manoscritto
    Eumolpus Tisius, citato a c. 170r

Titolo presente: Ad calamos canat ille corallina labra lichorj (c. 170r)
Note: precede il testo: Eumolpus Tisius ad Simętham ninfam.

Incipit : Ad calamos canat ille corallina labra lichorj (c. 170r)

Explicit : qui cupit ęternum diligat ingenium (c. 170r)

Descrizione interna


cc. 174r-177v


Autore:
Del_Nero, Paolo Antonio <1666-1718>
    Nomi sul manoscritto
    Siringo Rheteo, citato a c. 174r

Titolo presente: Eccoci Erminio col girar de secoli (c. 174r)
Note: precede il testo: Nel giorno natalizio d’Azzio Sincero Sannazaro. Egloga di Siringo Reteo. Erminio-Siringo.

Incipit : Eccoci Erminio col girar de secoli (c. 174r)

Explicit : del gran dì che più lungo esser vorrebbesi (c. 177v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: di Siringo Rheteo.

Descrizione interna


cc. 178r-179v


Autore:
Bianciardi, Michelangelo Maria <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Sincerus Parthenius, citato a c. 178r

Titolo presente: Digna o lapillis candidioribus (c. 178r)
Note: precede il testo: Natalitia Attij Sinceri die Sincerus Parthenius hęc canebat.

Incipit : Digna o lapillis candidioribus (c. 178r)

Explicit : purpureis revelit quadrigis (c. 179v)

Descrizione interna


c. 180r


Autore:
Leers, Filippo <abate ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Siralgo Ninfasio, citato a c. 180r

Titolo identificato: Soli, se non che Amor venia con noi

Incipit : Soli se non che Amor venia con noi (c. 180r)

Explicit : specchiati o cruda almen nel pianto mio (c. 180r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Siralgo Ninfasio pastore arcade.

Osservazioni:
cfr. Rime dell’avvocato Gio. Batt. Felice Zappi e Faustina Maratti sua consorte..., v. I, In Venezia, presso Sebastiano Valle, 1818, p. 198.

Descrizione interna


cc. 181r-182v


Autore:
Cavoni, Francesco <abate ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Erastus Mosobeus, citato a c. 181r

Titolo presente: Sincerum laudas tam carmine proximus illi (c. 181r)
Note: precede il testo: Erastus Mosobeus Siringo Rateo.

Incipit : Sincerum laudas tam carmine proximus illi (c. 181r)

Explicit : non decet, illius gesta referre decet (c. 182v)

Descrizione interna


c. 184r


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 184r

Titolo presente: Quando talor di sua leggiadra canna (c. 184r)
Note: precede il testo: Alfesibeo Cario pastore arcade al gentilissimo Eugenio Aleio compastore.

Incipit : Quando talor di sua leggiadra canna (c. 184r)

Explicit : nobil pastor, tu mio rival non sei (c. 184r)

Descrizione interna


c. 184v


Autore:
Lana, Niccolò <sec. 17. 2. metà>
    Nomi sul manoscritto
    Licinno Anemosio, citato a c. 184v

Titolo presente: Quando il mio grege dall’ovile uscio (c. 184v)
Note: precede il testo: Licinno Anemosio.

Incipit : Quando il mio grege dall’ovile uscio (c. 184v)

Explicit : queste perdute tue saranno acquisti (c. 184v)


ms.1, unità codicologica 8


Carte 185-199.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 185r-199v Ragunanza particolare nella capanna d’Erasto Mosobeo (titolo presente a c. 185r, segue a c. 186r l’indice degli autori).

Descrizione interna


cc. 187r-191r


Autore:
Taia, Agostino Maria <abate ; m. 1717>
    Nomi sul manoscritto
    Silvio Pereteo, citato a c. 187r

Titolo presente: Egli è pur vero, ò lieti, ed amorosi pastori (c. 187r)
Note: precede il testo: Silvio Pereteo ad alcuni pastori dell’Arcadia nel contubernio d’Erasto.

Incipit : Egli è pur vero, ò lieti, ed amorosi pastori (c. 187r)

Explicit : altro suo compastore caritativo ne sovenga, e pietoso (c. 191r)

Descrizione interna


cc. 193r-196r


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    A.C., citato a c. 196r

Titolo presente: Sileno (c. 193r)
Note: segue il titolo: Egloga di Alfesibeo Cario pastore arcade.

Incipit : Ismenio mio, che da l’Arcadia bella (c. 193r)

Explicit : mio dolcissimo Ismenio, ovunque andrai (c. 196r)
Nota all'explicit: seguono le iniziali dell’autore: A.C..

Descrizione interna


c. 197r


Autore:
Somai, Angelo Antonio <abate ; 1668-1745>
    Nomi sul manoscritto
    I.O., citato a c. 197r

Titolo presente: Poiche si giusto o mio Silen tu sei (c. 197r)
Note: precede il testo: Ila Orestasio.

Incipit : Poiche si giusto o mio Silen tu sei (c. 197r)

Explicit : e il tuo tugurio cangeresti in tempio (c. 197r)
Nota all'explicit: seguono le iniziali dell’autore: I.O..

Descrizione interna


c. 197v


Autore:
Paolucci, Giuseppe <1661-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Alessi Cillenio, citato a c. 197v

Titolo presente: Già scesa era dal ciel di nuovo Astrea (c. 197v)
Note: precede il testo: Alessi Cillenio.

Incipit : Già scesa era dal ciel di nuovo Astrea (c. 197v)

Explicit : eternamente entro il suo cor gl’eresse (c. 197v)
Nota all'explicit: seguono il nome dell’autore: Alessi.

Descrizione interna


c. 198r


Autore:
Leers, Filippo <abate ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Siralgo Ninfasio, citato a c. 198r

Titolo presente: Erasto mio mira colà su l’herba (c. 198r)
Note: precede il testo: Siralgo Ninfasio.

Incipit : Erasto mio mira colà su l’herba (c. 198r)

Explicit : ché dell’opra ch’ei fè l’utile è il meno (c. 198r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Siralgo.

Descrizione interna


c. 198v


Autore:
Leonio, Vincenzo <1650-1720>
    Nomi sul manoscritto
    Uranio Tegeo, citato a c. 198v

Titolo presente: Volgi al prato d’Erasto, o Filli, il viso (c. 198v)
Note: precede il testo: Uranio Tegeo.

Incipit : Volgi al prato d’Erasto, o Filli, il viso (c. 198v)

Explicit : tu mi hai rapito, e non mi rendi il cor (c. 198v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Uranio.

Descrizione interna


c. 199r


Autore:
Del_Nero, Paolo Antonio <1666-1718>
    Nomi sul manoscritto
    Siringo Reteo, citato a c. 199r

Titolo presente: Quel gran litigio d’Ertilo e d’Orinto (c. 199r)
Note: precede il testo: Siringo Reteo.

Incipit : Quel gran litigio d’Ertilo e d’Orinto (c. 199r)

Explicit : da valli e monti e selve e viva e viva (c. 199r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Siringo.

Descrizione interna


c. 199v


Autore:
Paolucci, Benedetto <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Ircano Lampeo, citato a c. 199v

Titolo presente: Vaghe ninfe d’Arcadia, e voi pastori (c. 199v)
Note: precede il testo: Ircano Lampeo.

Incipit : Vaghe ninfe d’Arcadia, e voi pastori (c. 199v)

Explicit : come le stelle il sol co raggi suoi (c. 199v)


ms.1, unità codicologica 9


Carte 200-236.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 200r-236r Ragunanza particolare nella capanna d’Erilo Cleoneo nel Bosco Parrasio (titolo presente a c. 185r, seguono l’indice degli autori e, a c. 201r, quello dei personaggi).

Descrizione interna


cc. 202r-203r


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 202r

Titolo presente: Introduzione (c. 202r)
Note: segue il titolo: d’Alfesibeo Cario custode d’Arcadia.

Incipit : Tratto Erilo di Cleone nostro pastore (c. 202r)

Explicit : quei cortesi pastori, che siete (c. 203r)

Descrizione interna


cc. 204r-235v


Autore:
Guidi, Alessandro <1650-1712>
    Nomi sul manoscritto
    Erilo Cleoneo, citato a c. 204r

Titolo identificato: Endimione

Titolo presente: Endimione (c. 204r)
Note: segue il titolo: Favola boschereccia d’Erilo Cleoneo pastore arcade.

Incipit : Felici piaggie, aventurosi colli (c. 204r)

Explicit : le tue promesse Amor quanto son vere (c. 235v)
Nota all'explicit: segue: Fine.

Osservazioni:
cfr. Alessandro Guidi, Endimione, a cura di Valentina Gallo, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 2011.

Descrizione interna


c. 236r


Autore:
Cascina, Giuseppe Maria <1653-1706>
    Nomi sul manoscritto
    Lacrito Scotaneo, citato a c. 236r

Titolo presente: Gentile Arcadia e chi sì dolcemente (c. 236r)
Note: segue il titolo: Lacrito Scotaneo ad Erilo Cleoneo avendo sentito la sua leggiadrissima favola boschereccia degl’amori di Endimione, e Diana cantata con versi, e sentimenti quanto casti, e pudichi, altrettanto alti, e sublimi.

Incipit : Gentile Arcadia e chi sì dolcemente (c. 236r)

Explicit : son degni i carmi tuoi del Paradiso (c. 236r)


ms.1, unità codicologica 10


Carte 238-263.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 238r-263v Ragunanza XIIIa generale nel Bosco Parrasio (titolo presente a c. 238r, segue a c. 238r l’indice degli autori).

Descrizione interna


cc. 240r-245v


Autore:
Guidi, Alessandro <1650-1712>
    Nomi sul manoscritto
    Erilo Cleoneo, citato a c. 240r

Titolo presente: La Dafne (c. 240r)
Note: segue il titolo: Versi per musica di Erilo Cleoneo pastore arcade.

Incipit : Io son colei che la più bella sfera (c. 240r)

Explicit : ornerà sul Tarpeo popol d’eroi (c. 245v)

Osservazioni:
cfr. Poesie d’Alessandro Guidi con la sua vita descritta da G. Mario Crescimbeni, v. II, Pisa, presso Sebastiano Nistri, 1821, pp. 165-180.

Descrizione interna


cc. 246r-249v


Autore:
Strinati, Malatesta <sec. 17./18.>
    Nomi sul manoscritto
    Licidia Orcomenio, citato a c. 246r

Titolo identificato: Dolce il sentir di placid’aura il fremito
Note: precede il testo: Egloga di Licidia Orcomenio interlocutori Licida, ed Uranio (c. 246r).

Incipit : Dolce è ’l sentir di placid’aura il fremito (c. 246r)

Explicit : via via con l’altre in torma al voto stabulo (c. 249v)

Osservazioni:
cfr. Rime di Giovambatista Felice Zappi e di Faustina Maratti sua consorte..., v. II, Venezia, Presso Gaspare Storti, in Merceria, all’insegna della Fortezza, 1770, pp. 228-233.

Descrizione interna


cc. 250r-251r


Autore:
Giubilei, Pietro <m. 1698>
    Nomi sul manoscritto
    Egone Cerausio, citato a c. 250r

Titolo presente: Angel, che vai (c. 250r)
Note: precede il testo: Di Egone Cerausio canzonetta.

Incipit : Angel, che vai (c. 250r)

Explicit : ten’ fuggi a volo (c. 251r)

Descrizione interna


cc. 252r-253v


Autore:
Berneri, Giuseppe <1634-1701>
    Nomi sul manoscritto
    Corimbo Pallantio, citato a c. 252r

Titolo presente: Stanco io sedeva un dì, sceso dal monte (c. 252r)
Note: precede il testo: Di Corimbo Pallantio.

Incipit : Stanco io sedeva un dì, sceso dal monte (c. 252r)

Explicit : senza havermi pietà, restai… restai (c. 253v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Corimbo pastore.

Descrizione interna


cc. 254r-255r


Autore:
Magnani, Giovanni Antonio <canonico ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Saliunco Feneio, citato a c. 254r

Titolo presente: Stavan dove più folti ha il pioppo i tralci (c. 254r)
Note: precede il testo: Saliunco Feneio.

Incipit : Stavan dove più folti ha il pioppo i tralci (c. 254r)

Explicit : di capir cosa sia la mia ferita (c. 255r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Saliunco scriveva.

Descrizione interna


c. 256r


Autore:
Menzini, Benedetto <1646-1704>
    Nomi sul manoscritto
    Euganio Libade, citato a c. 256r

Titolo presente: Diceva Erone al pastorello Aminta (c. 256r)
Note: precede il testo: Di Euganio Libade.

Incipit : Diceva Erone al pastorello Aminta (c. 256r)

Explicit : qual sarebbe il mio duolo, s’io ti perdessi (c. 256r)

Descrizione interna


c. 257r


Autore:
Forzoni Accolti, Pier Andrea <1639-1719>
    Nomi sul manoscritto
    Arpalio Abeatico, citato a c. 257r

Titolo presente: Vero ritratto de suoi bei sembianti (c. 257r)

Incipit : Vero ritratto de suoi bei sembianti (c. 257r)

Explicit : piu mille volte insuperbi costei (c. 257r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Arpalio Abeatico.

Descrizione interna


c. 258r


Autore:
Muniaci, Domenico <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Sicelius Caraceus, citato a c. 258r

Titolo presente: Πεῤι τῆσ ἢμερασ γενεθλια τᾶ Ακτια Συνκερα Σανναζαρα τῆσ Νεαπὀλεωσ (c. 258r)

Incipit : Funde merum Genio tu pastores properate (c. 258r)

Explicit : quondam Alominum; nunc est delicis superum (c. 258r)

Osservazioni:
il testo è trascritto sia in greco che in latino.

Descrizione interna


c. 258v


Autore:
Della_Stufa, Paolo <abate ; m. 1711>
    Nomi sul manoscritto
    Sileno Perrasio, citato a c. 258v

Titolo presente: Vorrei saper per che a la semplicetta (c. 258v)

Incipit : Vorrei saper per che a la semplicetta (c. 258v)

Explicit : a lei il mio male a me il mio danno piace (c. 258v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: di Sileno Perrasio.

Descrizione interna


cc. 259r-260v


Autore:
Mancini, Tommaso <abate ; sec. 17./18.>
    Nomi sul manoscritto
    Daphni Alitreo, citato a c. 259r

Titolo presente: Machinando cred’io (c. 259r)
Note: precede il testo: Cantata di Daphni Alitreo sopra Circe sua ninfa.

Incipit : Machinando cred’io (c. 259r)

Explicit : era solo di Circe una magia (c. 260v)

Descrizione interna


c. 261r


Autore:
Sardini, Giacomo <sec. 17. 2. metà>
    Nomi sul manoscritto
    Citisso Blenino, citato a c. 261r

Titolo presente: Amor, ch’a voglia sua regge, e governa (c. 261r)
Note: precede il testo: Di Citisso Blenino.

Incipit : Amor, ch’a voglia sua regge, e governa (c. 261r)

Explicit : dir poss’io, che non sia minor del vero (c. 261r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Citisso Blenino.

Descrizione interna


c. 261v


Autore:
Lana, Niccolò <sec. 17. 2. metà>
    Nomi sul manoscritto
    Licinno Anemosio, citato a c. 261v

Titolo presente: D’un vago ruscelletto al mormorio (c. 261v)
Note: precede il testo: Licinno Anemosio.

Incipit : D’un vago ruscelletto al mormorio (c. 261v)

Explicit : ma perche finger teme ei non t’adora (c. 261v)

Descrizione interna


c. 262r


Autore:
De_Luco Sereni, Francesco Maria <1632-1705>
    Nomi sul manoscritto
    Ampelo Roenio, citato a c. 262r

Titolo presente: D’un vago ruscelletto al mormorio (c. 262r)
Note: precede il testo: Arietta per musica. Ampelo Roenio essendo avanzato negl’anni per vedersi poco gradito dalla sua pastorella Filaura nel Bosco Parrasio parla così.

Incipit : Zefiretti che volan (c. 262r)

Explicit : sia nunzio io della notte, e voi del giorno (c. 262r)

Descrizione interna


c. 262v


Autore:
Figari, Pompeo <abate ; ca. 1650-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Montano Falantio, citato a c. 262v

Titolo presente: Del mese, in cui sotto il più vivo ardore (c. 262v)
Note: precede il testo: Montano Falantio manda a Lidia il ferragosto. Sonetto.

Incipit : Del mese, in cui sotto il più vivo ardore (c. 262v)

Explicit : non d’altro che d’amor ti credo priva (c. 262v)

Descrizione interna


c. 263r


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 263r

Titolo presente: Vago augellin, che la mia dolce nota (c. 263r)
Note: precede il testo: Alfesibeo Cario così cantò.

Incipit : Vago augellin, che la mia dolce nota (c. 263r)

Explicit : clima certo cangiar, non che sentiero (c. 263r)

Descrizione interna


c. 263v


Autore:
Del_Torto, Gaspare <sec. 17. 2. metà>
    Nomi sul manoscritto
    Eriscrato Basseo, citato a c. 263v

Titolo presente: In van’ s’adopra aureo pennello in carta (c. 263v)
Note: precede il testo: Eriscrato Basseo interrogato da Argirocalia sua ninfa, perche, essendosi provati molti eccellenti pittori in formarne il suo ritratto, nessuno ha saputo pigliarla, così le risponde.

Incipit : In van’ s’adopra aureo pennello in carta (c. 263v)

Explicit : purche prenda i colori in Paradiso (c. 263v)


ms.1, unità codicologica 11


Carte 264-277.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 264r-277v Ragunanza particolare nella capanna d’Essoristo Paliscio (titolo presente a c. 264r, segue a c. 265r l’indice degli autori).

Descrizione interna


c. 266r


Autore:
Quilici, Giovanni Leonardo <sec. 17./18.>
    Nomi sul manoscritto
    Melisso Liceo, citato a c. 266r

Titolo presente: Non amo più, per me non è più bella (c. 266r)
Note: precede il testo: Di Melisso Liceo.

Incipit (testo) : Non amo più, per me non è più bella (c. 266r)

Explicit : perche l’affetto mio da voi sol viene (c. 266r)

Descrizione interna


cc. 267r-270r


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 267r

Titolo presente: Pastorella sdegnosetta (c. 267r)
Note: precede il testo: Canzonetta d’Alfesibeo Cario pastore arcade a Lucinda sua pastorella sopra la trasformazione della farfalla.

Incipit : Pastorella sdegnosetta (c. 267r)

Explicit : or che d’esse Amor ti degna (c. 270r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Alfesibeo Cario pastore arcade.

Descrizione interna


c. 271r


Autore:
Leers, Filippo <abate ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Siralgo Ninfasio, citato a c. 271r

Titolo presente: Era il ciel senza nubi, il mar senz’onde (c. 271r)
Note: precede il testo: Parodia ai due sonetti, l’uno di Annibal Caro, quale incomincia: Eran Teti, e Giunon tranquille e chiare; l’altro di Anton Francesco Rainieri, quale incomincia: Era tranquillo il mar, le selve, e i prati.

Incipit : Era il ciel senza nubi, il mar senz’onde (c. 271r)

Explicit : parve del mio bel sole il vostro giorno (c. 271r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Siralgo Ninfasio.

Descrizione interna


c. 272r


Autore:
Paolucci, Giuseppe <1661-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Alessi Cillenio, citato a c. 272r

Titolo identificato: Quante volte promisi a un giusto sdegno
Note: precede il testo: Di Alessi Cillenio (c. 272r).

Incipit : Quante volte io promisi a un giusto sdegno (c. 272r)

Explicit : che raddoppia i miei lacci a cento a cento (c. 272r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Alessi Cillenio.

Osservazioni:
cfr. Rime degli Arcadi, v. I, In Roma, per Antonio Rossi alla piazza di Ceri, 1716, p. 6.

Descrizione interna


c. 273r


Autore:
Guidi, Alessandro <1650-1712>
    Nomi sul manoscritto
    Erilo Cleoneo, citato a c. 273r

Titolo presente: Ninfa, che del tuo sguardo altrui fai dono (c. 273r)
Note: precede il testo: Di Erilo Cleoneo.

Incipit : Ninfa, che del tuo sguardo altrui fai dono (c. 273r)

Explicit : parlo di tua bellezza, e non sospiro (c. 273r)

Descrizione interna


c. 273v


Autore:
Somai, Angelo Antonio <abate ; 1668-1745>
    Nomi sul manoscritto
    Ila Orestasio, citato a c. 273v

Titolo presente: L’altr’ hier nella vicina alma cittade (c. 273v)
Note: precede il testo: d’Ila Orestasio.

Incipit : L’altr’ hier nella vicina alma cittade (c. 273v)

Explicit : e ’l bel seren de la tranquilla vita (c. 273v)

Descrizione interna


cc. 274r-275r


Autore:
Somai, Angelo Antonio <abate ; 1668-1745>
    Nomi sul manoscritto
    Ilas, citato a c. 274r

Titolo presente: Forte ego, cum gracilem revocarem ad pascua cantu (c. 274r)
Note: precede il testo: Ilas egloga.

Incipit : Forte ego, cum gracilem revocarem ad pascua cantu (c. 274r)

Explicit : signavere diem, et capiti imposuere cotonem (c. 275r)
Nota all'explicit: segue: Finis.

Descrizione interna


c. 276r


Autore:
Leonio, Vincenzo <1650-1720>
    Nomi sul manoscritto
    Uranio Tegeo, citato a c. 276r

Titolo presente: O progenie d’eroi, coppia gentile (c. 276r)
Note: precede il testo: A’ gentilissimi Silvano Callistio e Ligustrio Tilleo nell’essere annoverati tra’ pastori d’Arcadia.

Incipit : O progenie d’eroi, coppia gentile (c. 276r)

Explicit : Apollo ancora pascolo gli armenti (c. 276r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Uranio Tegeo.

Descrizione interna


c. 276v


Autore:
Figari, Pompeo <abate ; ca. 1650-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Montano Falantio, citato a c. 276v

Titolo presente: Per Erminio ogni ninfa un tempo ardea (c. 276v)
Note: precede il testo: Di Montano Falantio per le nozze di Erminio, e di Fiorilla.

Incipit : Per Erminio ogni ninfa un tempo ardea (c. 276v)

Explicit : ei disse è di lei degno, ella di lui (c. 276v)

Descrizione interna


c. 277r


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 277r

Titolo presente: Questo tonfano, amici, e questo bucchero (c. 277r)
Note: precede il testo: Il custode d’Arcadia agli gentilissimi, e valorosissimi pastori arcadi Silvano Callistio, e Ligustrio Tilleo dichiara fasto nella lor capanna il presente giorno, col seguente brindisi.

Incipit : Questo tonfano, amici, e questo bucchero (c. 277r)

Explicit : si bel giorno dichiari a tutta Arcadia (c. 277r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: di Alfesibeo Cario custode d’Arcadia.


ms.1, unità codicologica 12


Carte 278-287.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 278r-287r Ragunanza particolare nella capanna di Vitauro Antigoneo (titolo presente a c. 278r, segue a c. 279r l’indice degli autori).

Descrizione interna


cc. 280r-281r


Autore:
Corsini, Ottaviano <1647-1696>
    Nomi sul manoscritto
    Doristo Cratidio, citato a c. 280r

Titolo presente: Partenza di sdegno (c. 280r)
Note: segue il titolo: Di Doristo Cratidio.

Incipit : Parto, Clori infedele, e più benigni (c. 280r)

Explicit : qual redivivo augel rinasce il core (c. 281r)

Descrizione interna


c. 282r


Autore:
Masseri, Pellegrino <1648-1718>
    Nomi sul manoscritto
    Faburno, citato a c. 282r

Titolo presente: Alcon tu mi rinovi (c. 282r)
Note: precede il testo: Faburno ad Alcone.

Incipit : Alcon tu mi rinovi (c. 282r)

Explicit : non hà la tua virtù degna corona (c. 282r)

Descrizione interna


c. 282rbis


Autore:
Quilici, Giovanni Leonardo <sec. 17./18.>
    Nomi sul manoscritto
    Melisso Liceo, citato a c. 282rbis

Titolo presente: Chieti ad amor, se la mia praga acerba (c. 282rbis)
Note: precede il testo: Di Melisso Liceo.

Incipit : Chieti ad amor, se la mia praga acerba (c. 282rbis)

Explicit : vi cangi nome, e vi chiami crudele (c. 282rbis)

Descrizione interna


c. 283r


Autore:
Caracciolo, Giacomo <sec. 17. 2. metà>
    Nomi sul manoscritto
    Daliso Enispeo, citato a c. 283r

Titolo presente: Cara Fille, ecco il mar dove più inonda (c. 283r)

Incipit : Cara Fille, ecco il mar dove più inonda (c. 283r)

Explicit : le veneri dal mar hanno la vita (c. 283r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Daliso Enispeo.

Descrizione interna


c. 284r


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 284r

Titolo presente: Come dopoi che l’occhio alquanto fiso (c. 284r)
Note: precede il testo: Alfesibeo Cario.

Incipit : Come dopoi che l’occhio alquanto fiso (c. 284r)

Explicit : via più che l’opra, il gran fattor ne diede (c. 284r)

Descrizione interna


c. 284v


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 284v

Titolo presente: Quando da due begli occhi offerse sono (c. 284v)
Note: precede il testo: Alfesibeo Cario.

Incipit : Quando da due begli occhi offerse sono (c. 284v)

Explicit : lasso l’inerme intanto alcun perdetti (c. 284v)

Osservazioni:
cfr. Rime di Giovambatista Felice Zappi e di Faustina Maratti sua consorte..., v. I, Venezia, Presso Gaspare Storti, in Merceria, all’insegna della Fortezza, 1770, p. 240.

Descrizione interna


c. 285r


Autore:
Leonio, Vincenzo <1650-1720>
    Nomi sul manoscritto
    Uranio Tegeo, citato a c. 285r

Titolo presente: Queste Euganio gentil, son le bevande (c. 285r)
Note: precede il testo: S’invita Euganio Lobade a prender la cioccolata doppo esser stati da Alcone Sirio dimostrato in una leggiadrissima canzone, che cotal bevanda era propria de’ pastori.

Incipit : Queste Euganio gentil, son le bevande (c. 285r)

Explicit : dove Amor di sua man viva scolpilla (c. 285r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Uranio Tegeo.

Descrizione interna


c. 286r


Autore:
Cavoni, Francesco <abate ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Erastus Mosobous, citato a c. 286r

Titolo presente: Esse quid hoc dicam cum sis nutritus in aula (c. 286r)
Note: precede il testo: Ad Vittaurum Antigoneum pastorem arcadem egloga extemporanea Erasti Mosoboi compastoris.

Incipit : Esse quid hoc dicam cum sis nutritus in aula (c. 286r)

Explicit : in Vaticano culmine pastor erat (c. 286r)

Descrizione interna


c. 287r


Autore:
Somai, Angelo Antonio <abate ; 1668-1745>
    Nomi sul manoscritto
    Ila Orestasio, citato a c. 287r

Titolo presente: Squallida e fredda d’una valle sorse (c. 287r)

Incipit : Squallida e fredda d’una valle sorse (c. 287r)

Explicit : disse tremendo, e non col viso asciutto (c. 287r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: d’Ila Orestasio.


ms.1, unità codicologica 13


Carte 290-348.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 290r-348v Copie lasciate in serbatoio […] il contrasegnamento in vigor dell’avvertimento XXXI° (titolo presente a c. 278r, segue l’indice degli autori).

Descrizione interna


c. 291r


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 291r

Titolo presente: Staman, non bene ancor spenta ogni stella (c. 291r)

Incipit : Staman, non bene ancor spenta ogni stella (c. 291r)

Explicit : ch’io trasportato al ciel il piu non vidi (c. 291r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Alfesibeo Cario pastore arcade.

Osservazioni:
precede il testo: Al gentilissimo e valorosissimo pastore arcade Silvano Callistio. Allegoria pastorale sopra il nobilissimo dramma intitolato Il dottore innamorato che si recita nel teatro dell’eccellentissima signora duchessa Rospigliosi. Sonetto di Alfesibeo Cario custode d’Arcadia.

Descrizione interna


cc. 294r-329v


Autore:
Guidi, Alessandro <1650-1712>
    Nomi sul manoscritto
    Erilo Cleoneo, citato a c. 329r

Titolo presente: Endimione (c. 298r)
Note: segue il titolo: di Erilo Cleoneo pastore arcade.

Incipit : Felici piagge, avventurosi colli (c. 300r)

Explicit : le tue promesse, Amor, quanto son vere! (c. 329r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Erilo Cleoneo.

Osservazioni:
cfr. Alessandro Guidi, Endimione, a cura di Valentina Gallo, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 2011.

Descrizione interna


cc. 333r-348v


Autore:
Menzini, Benedetto <1646-1704>
    Nomi sul manoscritto
    Euganio Libadio , citato a c. 333r

Titolo presente: L’Arcadia restituita all’Arcadia (c. 333r)
Note: segue: Lezione di Euganio Libadio pastore arcade.

Incipit (lettera di dedica) : Illustrissimo et eccellentissimo signore. Perche grande è stato l’onore (c. 334r)

Explicit (lettera di dedica) : con ogni ossequio di vostra eccellenza (c. 334r)

Incipit (testo) : Sarebbe ormai estinto (c. 335r)

Explicit (testo) : dilettarne coloro, che la gradiscono (c. 348v)

Osservazioni:
cfr. L'Arcadia restituita all'Arcadia lezione accademica di Benedetto Menzini ..., In Roma, per Gio. Battista Molo, 1692.



Progetto: Catalogazione dei manoscritti dell'Archivio dell'Accademia dell'Arcadia
Autore della scheda: Lucrezia Signorello
Tipologia: scheda di prima mano
Data creazione: 09/02/2019 Data modifica: 31/12/2020
CNMS: CNMS\\0000197610

Scarica in formato XML