Manus
Home Ricerca Indici Progetti speciali Biblioteche News Norme catalografiche

home > Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, San Marco, S.Marco 323

Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, San Marco, S.Marco 323


Scheda manoscritto

Vedi la descrizione del Fondo

CNMD\0000114834

Manoscritto membranaceo, guardie cartacee; cc. I, I' guardie mod.; fascicoli legati; 1455-09-07 data espressa a c. 166r; cc. I + 166 + I; numerazione ant. a penna nel marg. sup. destro; bianca la c. 166v.

Dimensioni: mm 326 x 220 (c. 1).

Iniziali
Iniziali semplici.
Sono presenti iniziali, ornate.

Azzurro e oro
Presenza di oro e oro in foglia.

Legatura:
1751-1800, La legatura risale al 1768 ca. quando tutti i manoscritti, presenti in S. Marco, furono fatti rilegare dai frati Domenicani (cfr. ULLMAN-STADTER, The Public Library, p. 52).

Assi in cartone.

Coperta in pergamenaCoperta in pelleCoperta in carta, leg. in mezza pelle; piatti in carta dipinta a mano con punte in pergamena.

Decorata in oro.

sul dorso, impressi in oro: titolo "LAERTII VITAE PHIPOSOPHORUM" e segnatura attuale "323" incorniciata; cartellino cart. con il n° 259. Cfr. campo 25. 1.

Storia del manoscritto:
Il manoscritto, vergato da un'unica mano, è stato scritto nel 1455, come si legge a c. 166r: "Laertii Diogenis vitae atque sententiae eorum qui in philosophia claruerunt liber decimus et ultimus faeliciter explicit. 1455, die 7 septembris absolutus. Deo gratias". L'opera in esso contenuta, la traduzione delle "Vitae" di Diogene Laerzio, approntata da Ambrogio Traversari tra il 1427 e il 1433, è dedicata a Cosimo de' Medici, come si ricava dalla rubrica di c. 1r e di cui fa probabilmente menzione la nota inglese, scritta a matita, ma cancellata, presente nel contropiatto anteriore. Anche in assenza della carta di guardia membranacea, che reca solitamente la nota di possesso del convento domenicano fiorentino e la sua segnatura, il manoscritto viene identificato con il n° 828 dell'inventario del 1499-1500 della biblioteca di S. Marco di Firenze (cfr. ULLMAN-STADTER, The Public Library, p. 221 n° 828): "Laertius Diogenes de vita et moribus ac sectis philosophorum, traductus per Ambrosium monachum Camaldulensem, in volumine satis magno et pulchro rubeo in membranis", collocato "in bancho XXII ex parte occidentis". Ancora in S.Marco nel 1768, come risulta dall'Index manuscriptorum della biblioteca (cfr. p. 153), fu acquistato nel corso dell'Ottocento dal bibliofilo inglese Thomas Phillipps (cfr. The Phillipps Manuscripts. Catalogus librorum manuscriptorum in bibliotheca D. Thomae Phillips, Bt. Impressum typis Medio-Montanis 1837-1871, with an Introduction by A. N. L. MUMBY, Litt. D. Author of Phillipps Studies, London , The Holland Press, 1968, p. 136 n° 8526. Al numero del catalogo corrisponde la descrizione di questo manoscritto, anche se erroneamente viene indicato come provenienza Milano anzichè Firenze: "No 323 Ex bibl. S. Marci de Milan."). Al centro del contropiatto anteriore si legge, infatti: "Phillipps Mss 8526". Phillipps comprò il manoscritto da Payne, come si evince dal suddetto catalogo. Nel marg. sup. del contropiatto ant. è attaccato un ritaglio, probabilmente di un catalogo a stampa, inglese (Payne?) con la descrizione del manoscritto. Successivamente il manoscritto fu acquistato dal libraio italiano T. De Marinis, di cui compare, sempre nel contropiatto ant., l'etichetta con il suo ex-libris. Come si ricava dall'Inventario di codici 'Acquisti e Doni' presente nella BML (Cat. Sala studio 91), la Laurenziana acquistò il codice dal De Marinis il 28 luglio 1909 per £ 1600, con numero d'ingresso 7740 (il numero compare nel marg. sup. sinistro di c. Ir, scritto a penna rossa), confluendo nella serie 'Acquisti e Doni' con il n° 259 (l'indicazione compare sul dorso, su un cartelino cart. bordato d'azzurro). Fu rimesso successivamente nella serie dei codici di S. Marco al suo numero 323, sotto la direzione di Enrico Rostagno (bibliotecario e poi direttore della Biblioteca, nella quale entrò nel 1890). Nel marg. sup. sinistro del contropiatto anteriore sono presenti altri numeri scritti a matita (vecchie segnature?): "27" e più in basso "9832 [...]". Alle cc. 166v e Iv è la nota: " T.F F. X (?) 1891".
A c. Ir una mano mod.. annota a penna la segnatura attuale.

Nomi collegati alla storia:
*Convento di *San *Marco <Firenze>, possessore

De_Marinis, Tammaro <1878-1969>, possessore
    Nomi sul manoscritto
    T. De marinis (contropiatto anteriore)

Phillipps, Thomas, possessore
    Nomi sul manoscritto
    Phillipps (contropiatto anteriore)

Antiche segnature:
in bancho XXII ex parte occidentis (Segnatura non presente sul manoscritto; cfr. ULLMAN-STADTER, The Public Library, p. 221 n° 828).

Descrizione interna


cc. 1r-166r


Autore:
Diogenes : Laertius <sec. 3.>
    Nomi sul manoscritto
    Laertius Diogenes, citato a c. 2r (il nome si ripete alle cc. 21r, 56v, 66r, 92v, 119v, 131r, 146r-v, 166r)

Altri nomi:
Traversari, Ambrogio <OSBCam ; 1386-1439>, traduttore
    Nomi sul manoscritto
    Ambrosius, citato a c. 1r

Titolo identificato: De vitis, dogmatis et apophthegmatis clarorum philosophorum libri decem
Note: cfr. Hübner.

Titolo presente: Laertii DiogenisVitae atque sententiae eorum qui in philosophia claruerunt (c. 2r)
Note: il titolo si ripete alle cc. 21r, 56v, 66r, 92v, 119v, 131r, 146r-v, 166r.

Incipit (lettera di dedica) : Volventi mihi quedam graeca volumina venit ad manus (c. 1r)
Nota all'incipit: Segue: "Vale".

Incipit (testo) : Philosophiam a barbaris initium sumpsisse plerique autumant (c. 2r)

Explicit (lettera di dedica) : Tu, si qua superflua existimaveris, iure tuo resecabis. (c. 2r)
Nota all'explicit: Segue: "Vale".

Explicit (testo) : adsummentes lamentis prosequuti non sunt defuncti celeriorem obitum (c. 166r)

Osservazioni:
Rubr.: "Clarissimo ac optimo viro Cosmo de/ Medicis Ambrosius in Domino aeternam salutem" (c. 1r).
Nel testo spazi bianchi per il greco.
Il prologo è edito in Gigante, pp. 398-400.


Bibliografia non a stampa
Index manuscriptorum Bibliothecae FF. Ordinis Praedicatorum Florentiae ad Sanctum Marcum, anno Domini MDCCLXVIII (Biblioteca Medicea Laurenziana, San Marco 945), p. 153

Bibliografia a stampa
B. L. ULLMAN-PH. STADTER, The Public Library of Renaissance Florence. Niccolò Niccoli, Cosimo de' Medici and the Library of San Marco, Padova, Antenore, 1972 (Medioevo e Umanesimo, 10), pp. 221 n° 828, 317; A. SOTTILI, Il Laerzio latino e greco e altri autografi di Ambrogio Traversari, in "Vestigia studi in onore di Giuseppe Billanovich", II, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1984, pp. 699-745, in part. p. 707 n.21; P. O. KRISTELLER, Iter italicum, I-VI, London-Leiden 1963-1992, I, 1963, p. 76

Riproduzioni
Riproduzione conservata nella Biblioteca Medicea Laurenziana: microfilm positivo e negativo (1969).

Fonti
Hübner = DIOGENIS LAERTII De vitis, dogmatis et apophthegmatis clarorum philosophorum libri decem. Graeca emendatione edidit, notatione emendationum latina Ambrosii interpretatione castigata, appendice critica atque indicibus instruxit HENRICUS GUSTAVUS HUEBNERUS, Lipsiae, sumptus fecit et venumdat Carolus Franciscus Koehlerus, 1828-1831;
Gigante = M. GIGANTE, Traversari interprete di Diogene Laerzio, in Ambrogio Traversari nel VI centenario della nascita. Convegno Internazionale di Studi (Camaldoli-Firenze, 15-18 settembre 1986), a cura di G. C. GARFAGNINI, Firenze, Olschki, 1988, pp. 367-459


Progetto: Manoscritti Biblioteca Medicea Laurenziana
Autore della scheda: Gianna Rao
Ultima modifica: Giliola Barbero
Tipologia: scheda di prima mano
Data creazione: 08/11/2009 Data modifica: 21/01/2016
CNMS: CNMS\0000064330

Scarica in formato XML