Manus
Home Ricerca Indici Progetti speciali Biblioteche News Norme catalografiche

home > Osimo, Biblioteca Storica dell’Istituto Campana per l’Istruzione Permanente, Manoscritti, ms.18.M.8

Osimo, Biblioteca Storica dell’Istituto Campana per l’Istruzione Permanente, Manoscritti, ms.18.M.8


Scheda manoscritto

Vedi la descrizione del Fondo

CNMD\0000300298

Sfoglia le immagini di manoscritto esterne a MOL (1)

Manoscritto membranaceo; fascicoli legati; 1301-1400 data stimata; cc. I + 158 + I.

Dimensioni: mm 197 x 143 (cc. 1r-16v; 21r-52v; 57r), mm 185 x 137 (c. 17r-20v; 53r-56v).

Stato di conservazione:
discreto; piatti assenti, dorso in pergamena; tracce di umidità e di tarlature.

Legatura:
1301-1400.

Necessità di un intervento di restauro.

Storia del manoscritto:
Il codice è appartenuto a Giovanni Marcanova dal 1440, come attesta una notazione a inchiostro rosso a c. Iv, oggi illeggibile perché depennata con inchiostro nero, ma trascritta da Molin nel suo catalogo (cfr. Molin, Catalogo, p. 65): 1440. Ioannes Marchanova artium et medicinae doctor p. s. pec. emit Venetiis.
Sempre a c. Iv, poco sotto, a inchiostro nero e sempre depennata, si legge la segnatura della biblioteca di Marcanova: CLXXIIII (cfr. Sighinolfi, La biblioteca, p. 213).
A c. I'v in rosso: Hunc librum donavit eximius artium et medicine doctor messer Ioannes Marchanova de Venetiis congregationi Canonicorum Regolarium S. Augustini, ita ut tantus sit ad usum dictorum canonicorum in monasterio Paduense Sancti Iohannis in Viridario Padue commemorantium. Quare omnes pie orent. Giovanni Marcanova dona infatti il manoscritto tramite testamento al monastero padovano di San Giovanni di Verdara nel 1467.
Nei primi anni del XIX secolo il codice giunge nelle mani di Agostino Maria Molin, che vi appone la segnatura del proprio catalogo: Codex CIV (c. Ir, ripetuta sul dorso).
Per volere testamentario di Molin entra poi a far parte della biblioteca di Palazzo Campana nel 1840. Qui riceve diverse segnature, non tutte identificabili: 58 (in blu, a c. Ir, ripetuta in nero sul dorso); 43 (a matita, a c. Ir); 48 ( in nero, sul dorso, depennato); 57 (in rosso, a c. Ir, ripetuta a penna blu sul dorso, riferibile all'inventario Cecconi del 1896); cod. 57 (a c. 1r, a penna blu, dell'inventario perduto del 1927).

Nomi collegati alla storia:
*Monastero di *San Giovanni di *Verdara <Padova>, possessore
    Nomi sul manoscritto
    monasterium paduense Sancti Ioannis in Viridario Padue, citato a c. I'v

Marcanova, Giovanni <m. 1467>, possessore
    Nomi sul manoscritto
    Ioannes Marchanova, citato a cc. Iv; I'v

Molin, Agostino Maria <ca 1775-1840>, provenienza

Antiche segnature:
CLXXIIII (Segnatura della biblioteca di Giovanni Marcanova, cfr. Sighinolfi, La biblioteca, p. 213).

Codex CIV (Segnatura del catalogo manoscritto della biblioteca personale di Agostino Maria Molin, oggi ms. 18.H.26).

57 (Segnatura relativa all'elenco stilato da Giosuè Cecconi e all'inventario perduto del 1° luglio 1927).

Data di entrata in biblioteca:
1840

Osservazioni:
Decorazione: a c. 1r iniziale Q in rosso; di seguito alcuni spazi riservati per le iniziali. Segni di paragrafo a piè di mosca rossi.
Il codice è in parte palinsesto (cc. 1r-12v; 49v-52r; 99r-108r; 123r).

Descrizione interna


cc. 1rA-158rA


Autore:
Hervé : de#Nédellec <ca. 1260-1323>
    Nomi sul manoscritto
    Herveus, citato a cc. 1r; 158rB-v

Titolo identificato: Quodlibeta
Note: cfr. Kaeppeli, Scriptores, 234-236 (n. 1895).

Titolo presente: Quodlibeta Hervei (c. 1r)

Incipit (testo) : Quolibet nostro querebat unum commune Deo (c. 1rA)

Explicit (testo) : Explicit quartus quodlibetus magistri Hervei. (c. 158rB)

Note al testo:
il testo è seguito da una tavola dei capitoli (cc. 158rB-vA).


Bibliografia non a stampa
Molin, Agostino Maria, Catalogo della biblioteca personale, ms. Osimo, Biblioteca di Palazzo Campana, 18.H.26, 65-66 (codex CIV).

Bibliografia a stampa
Tomasini, Jacobus Filippus, Bibliothecae Patavinae manuscriptae publicae et privatae, Utini, Typis N. Schirati, 1639, 32.

Sighinolfi, Lino, La biblioteca di Giovanni Marcanova, in Collectanea Variae Doctrinae S. Olschkii oblata, Monachi, J. Rosenthal, 1921, 187-222: 213.

Cecconi, Giosuè, Osimo. Biblioteca del Collegio, in Inventari dei manoscritti delle biblioteche d’Italia, VI, a cura di Giuseppe Mazzatinti, Forlì, Casa Editrice Luigi Bordandini, 1896, 12 (n.57).

Kaeppeli, Thomas, Scriptores Ordinis praedicatorum Medii Aevi, Roma, 1970-1993, II (G-I), Roma, Typis polyglottis Vaticanis, 1975, 234-236 (n. 1895).

Bocchetta, Monica, Erudizione e bibliofilia nella raccolta libraria del carmelitano Agostino Maria Molin (1775-1840). Primi appunti dalla biblioteca dell’Istituto Campana di Osimo, «Paratesto. Rivista internazionale», 14 (2017), 71-91: 88.

Lucchetti, Costanza, I manoscritti più antichi della Biblioteca Storica di Palazzo Campana di Osimo (secoli XIII-XVI), tesi di Laurea magistrale in Codicologia, Università degli Studi di Macerata, relatore prof.ssa Maela Carletti, a.a. 2019-20, 94-95.


Progetto: Catalogazione del Fondo Manoscritti della Biblioteca Storica Campana
Autore della scheda: Costanza Lucchetti
Tipologia: scheda di prima mano
Data creazione: 09/04/2021 Data modifica: 15/10/2021
CNMS: CNMS\\0000218326

Scarica in formato XML