Manus
Home Ricerca Indici Progetti speciali Biblioteche News Norme catalografiche

home > Roma, Biblioteca Angelica, Arcadia, ms.3

Roma, Biblioteca Angelica, Arcadia, ms.3


Scheda manoscritto

Vedi la descrizione del Fondo

CNMD\0000277949

Composito di 10 elementi.
Le unità codicologiche sono descritte separatamente.

Manoscritto cartaceo, guardie cartacee; fascicoli legati; il codice è il risultato della riunificazione, sotto un'unica legatura, di vari componimenti poetici (in forma di originale o copia) operata dal custode generale dell'Accademia dell'Arcadia Giovanni Mario Crescimbeni (1663-1728); tali testi sono organizzati per “ragunanze” in 10 sottosezioni (rese nella presente scheda tramite l'utilizzo delle "unità codicologiche"); 1693-1694 data espressa a c. 1r (la data è fornita secondo il sistema cronologico arcade: dall’VIII° di Sciroforione secondo stante l’anno IIII° dell’Olimpiade DCXVIIa fino al IV° dopo il XX° di Sciroforione cadente l’anno primo dell’Olimpiade DCXVIIIa [per la conversione secondo il sistema civile cfr. Elisabetta Appetecchi, In Coetu nostro perpetuo servetur: L’Efemeride e le origini dell’Arcadia, tesi di laurea specialistica in Filologia Moderna, Roma, Università degli Studi di Roma "La Sapienza", 2018]); cc. II + 211 + II; cartulazione moderna erronea per 209 carte, tracciata a matita, posta nell’angolo superiore destro del recto delle carte, con il numero 132 ripetuto: 132a, 132b; ianche le cc. 1v, 2v, 3r-v, 4v, 11r-12v, 18v, 19v-20v, 27v-28v, 32v, 33v, 34v-36v, 39v, 40v-41v, 42v-43v, 49v-50v, 51v, 54v, 55v, 56v, 57v, 58v-59v, 60v, 61v-62v, 63v, 64v-65v, 77r-v, 79v, 80v, 81v, 82v, 83v-84v, 88v, 96r-v, 97v, 98v-99v, 100v-101v, 105v, 106v, 107v, 108v, 109v, 100v-112v, 113v, 115v, 117v, 118v-199v, 120v, 121v-123v, 124v, 132r-132bv, 135v-136v, 143v-144v, 150v-151v, 153r-v, 159v, 160v, 164v, 166v-167v, 168v-169v, 170v, 171v, 172v, 173v-174v, 176v-177v, 185v-187r, 197v.

Dimensioni: mm 268 x 195 (c. 3).

Scrittura e mani:
scrittura corsiva di varie mani; i testi presentano numerose annotazioni e correzioni di mano del custode generale dell’Accademia dell’Arcadia Giovanni Mario Crescimbeni (1663-1728).

Stato di conservazione:
discreto, migrazione dell’inchiostro, il quale ha talvolta perforato le carte; il manoscritto è stato oggetto di restauro, con risarcimento delle carte danneggiate.

Inchiostro:
bruno.

Legatura:
1974-06-01.

Assi in cartone.

Coperta in pergamena, capitelli passanti.

Timbro del restauratore sulla controguardia post.: Restauro del libro di Lelli Giuseppe - 1 giu 1974.

Storia del manoscritto:
manoscritto di origine italiana (Roma).

Nomi collegati alla storia:
*Lelli, Giuseppe, restauratore
    Nomi sul manoscritto
    Lelli Giuseppe, citato a controguardia post.

Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>, raccoglitore
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 1r

Camicia:
cc. 1r-209v Terza stagione de’ Componimenti Arcadici. Volume terzo dall’VIII° di Sciroforione secondo stante l’anno IIII° dell’Olimpiade DCXVIIa fino al IV° dopo il XX° di Sciroforione cadente l’anno primo dell’Olimpiade DCXVIIIa (c. 1r, seguono le firme: Alfesibeo Cario custode e Ila Orcomenio).


Bibliografia a stampa
Arcadia - Accademia letteraria italiana. Inventario dei manoscritti (1-41), a cura di Barbara Tellini Santoni, Roma, La Meridiana, 1991, pp. 24-28.

Fonti
ALESSANDRO POLLIONI, L’Eudossia. Recitato nel Teatro del Seminario Romano nelle vacanze del carnevale l’anno 1692, In Colonia, [s.n.], 1692.

L’istoria della volgar poesia scritta da Gio. Mario Crescimbeni…, vol. I, In Venezia, presso Lorenzo Basegio, 1731, pp. 541-542.

Poesie toscane del senatore Vincenzio da Filicaia, vol. I, Firenze, per Niccolò Conti, 1819, p. 183.

Rime degli Arcadi, vol. I, In Roma, per Antonio Rossi alla piazza di Ceri, 1716, pp. 6, 62, 319.

Rime degli Arcadi, vol. VI, In Roma, per Antonio de’ Rossi alla piazza di Ceri, 1717, p. 33.

Rime degli Arcadi, vol. VIII, In Roma, per Antonio de’ Rossi, 1720, pp. 305-311.

Scelta di sonetti e canzoni de’ piu eccellenti rimatori d’ogni secolo..., vol. III Parte terza, che contiene i rimatori viventi del 1709, In Bologna, per Costantino Pisarri, sotto le Scuole, 1711, p. 310.

ms.3, unità codicologica 1


Carte 2-18.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 2r-18r Stagione terza. Ragunanza I nel Bosco Parrasio (segue: Ragunanza prima dell’anno 1693, c. 4r).

Descrizione interna


cc. 5r-10v


Autore:
Bussi, Giulio <1646-1714>
    Nomi sul manoscritto
    Tirinto Trofeio, citato a c. 5r

Titolo presente: Le glorie, e le fortune d’Arcadia. Nel riaprirsi l’anno 1693 l’adunanza sul Palatino negl’Orti Farnesiani dal serenissimo duca Ranuccio a quest’uso conceduti. Discorso di Tirinto Trofeio pastore arcade (c. 5r)

Incipit : Pur’ giungesti ò ben fortunato giorno (c. 5r)

Explicit : debolezza di chi fin’ora hà favellato (c. 10v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Tirinto Trofeio pastore arcade.

Descrizione interna


cc. 13r-16v


Autore:
Magnani, Giovanni Antonio <canonico ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Saliunco Feneio, citato a c. 16v

Titolo presente: Già siede Zefiro (c. 13r)

Incipit : Già siede Zefiro (c. 13r)

Explicit : mà: son pastore (c. 16v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Saliunco Feneio.

Descrizione interna


cc. 17r-18r


Autore:
Del_Nero, Paolo Antonio <1666-1718>
    Nomi sul manoscritto
    Siringo Reteo, citato a c. 17r

Titolo identificato: Tu, che sei d’amore ignuda

Titolo presente: Siringo Reteo alla sua ninfa. Della trasformazione del regolo (c. 17r)

Incipit : Tù, che sei d’amore ignuda (c. 17rA)

Explicit : vendicò la morte acerba (c. 18rA)
Nota all'explicit: seguono sei righe di scrittura depennata.

Osservazioni:
cfr. Rime degli Arcadi, vol. VIII, In Roma, per Antonio de' Rossi, 1720, pp. 305-311.


ms.3, unità codicologica 2


Carte 19-39.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 19r-39r Stagione III. Ragunanza II nel Bosco Parrasio (c. 19r).

Descrizione interna


cc. 21r-27r


Autore:
Aquino, Carlo : d' <S.I. ; 1654-1737>
    Nomi sul manoscritto
    Alcon, citato a c. 21r

Titolo presente: Testa mihi nuper signo surgebat in horto (c. 21r)
Note: precede il testo: Alconis querimonia de cedro arefacta in vase testaceo elegia.

Incipit : Testa mihi nuper signo surgebat in horto (c. 21r)

Explicit : demissis iubeo, devenerere comis (c. 27r)

Descrizione interna


cc. 29r-32r


Autore:
Strozzi, Leone <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Nitilus Geresteus, citato a c. 32r

Titolo presente: Biblis (c. 29r)

Incipit : Bruma aderat, timidę volucres, undęque silebant (c. 29r)

Explicit : pulchrior incompto sub Biblide Biblis amatur (c. 32r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Nitilus Geresteus.

Descrizione interna


c. 33r


Autore:
Del_Nero, Paolo Antonio <1666-1718>
    Nomi sul manoscritto
    Siringo Reteo, citato a c. 33r

Titolo presente: Se breve tempo con occulti inganni (c. 33r)

Incipit : Se breve tempo con occulti inganni (c. 33r)

Explicit : havrem nel nostro amore eterna vita (c. 33r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Siringo Reteo.

Descrizione interna


c. 34r


Autore:
Somai, Angelo Antonio <abate ; 1668-1745>
    Nomi sul manoscritto
    Ila Orestasio, citato a c. 34r

Titolo presente: Per far men’ duro il mio martire (c. 34r)

Incipit : Per far men’ duro il mio martire (c. 34r)

Explicit : non pur di lei, ma di mie pene altero (c. 34r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Ila Orestasio pastore arcade.

Descrizione interna


c. 37r


Autore:
Figari, Pompeo <abate ; ca. 1650-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Montano Falanzio, citato a c. 37r

Titolo presente: Dicea mesta l’Italia e del sovrano (c. 37r)
Note: precede il testo: Per le nozze del principe di Parma con la principessa palatina.

Incipit : Dicea mesta l’Italia e del sovrano (c. 37r)

Explicit : sarà poco a tant’ombra un mondo intero (c. 37r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Montano Falanzio.

Descrizione interna


c. 37v


Autore:
Stampiglia, Silvio <1664-1725>
    Nomi sul manoscritto
    Palemone Licurio, citato a c. 37v

Titolo presente: Quando da vostri rai per man d’Amore (c. 37v)

Incipit : Quando da vostri rai per man d’Amore (c. 37v)

Explicit : che questa è la virtù degl’occhi suoi? (c. 37v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Palemone Licurio.

Descrizione interna


c. 38r


Autore:
Figari, Pompeo <abate ; ca. 1650-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Montano Falanzio, citato a c. 38r

Titolo presente: Poiche invan questa selva, e le vicine (c. 38r)

Incipit : Poiche invan questa selva, e le vicine (c. 38r)

Explicit : anzi al silenzio mio, che al tuo rigore (c. 38r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Montano Falanzio.

Descrizione interna


c. 38v


Autore:
Paolucci, Giuseppe <1661-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Alessi Cillenio, citato a c. 38v

Titolo identificato: Quante volte promisi a un giusto sdegno

Incipit : Quante volte io promisi a un giusto sdegno (c. 38v)

Explicit : che raddoppia i miei lacci a cento, a cento (c. 38v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Alessi Cillenio.

Osservazioni:
cfr. Rime degli Arcadi, vol. I, In Roma, per Antonio Rossi alla piazza di Ceri, 1716, p. 6.

Descrizione interna


c. 39r


Autore:
Lana, Niccolò <sec. 17. 2. metà>
    Nomi sul manoscritto
    Licinno Anemosio, citato a c. 39r

Titolo presente: Se’ talor fra quest’erbe avvien, ch’io miri (c. 39r)

Incipit : Se’ talor fra quest’erbe avvien, ch’io miri (c. 39r)

Explicit : non sei rio, non sei fior sol nell’amare (c. 39r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Licinno Anemosio.


ms.3, unità codicologica 3


Carte 40-61.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 40r-61r Stagione III. Ragunanza III nel Bosco Parrasio (c. 40r, segue: Corona in lode di nostro signore Innocentio XII. Ragunanza 3a, c. 42r).

Descrizione interna


cc. 44r-47v


Autore:
Figari, Pompeo <abate ; ca. 1650-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Montano Falanzio, citato a c. 47v

Titolo presente: E pur io vedo, e non sò ben se credami (c. 44r)
Note: precede il testo: Introduzione alla corona del sommo pastore. Egloga di Montano Falanzio.

Incipit : E pur io vedo, e non sò ben se credami (c. 44r)

Explicit : il pastor de pastori inalzi al’etera (c. 47v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Montano Falanzio.

Descrizione interna


c. 48r-v


Autore:
Piccolomini, Alessandro <abate ; sec. 17. 2. metà>
    Nomi sul manoscritto
    Fillirio Meliasteo, citato a c. 48r

Titolo presente: Oggi, che al fianco al gran pastor riposa (c. 48r)
Note: precede il testo: Per la santità di nostro pastore papa Innocentio [XII] <depennato>. Sonetto di Fillirio Meliasteo.

Incipit : Oggi, che al fianco al gran pastor riposa (c. 48r)

Explicit : Arcadia, che già spiega eterno il vanto (c. 48r)

Osservazioni:
segue a c. 48v il medesimo testo depennato.

Descrizione interna


c. 49r


Autore:
Argimbo Leuttronio <sec. 17. 2. metà>
    Nomi sul manoscritto
    Argimbo Leuttronio, citato a c. 49r

Titolo presente: Arcadia che gia spiega eterno il vantox (c. 49r)
Note: precede il testo: Sonetto II d’Argimbo Leuttronio.

Incipit : Arcadia che gia spiega eterno il vanto (c. 49r)

Explicit : e piu bella risorsa, e piu famosa (c. 49r)
Nota all'explicit: segue ripetuto il nome dell’autore: Argimbo Leuttronio pastore arcade.

Descrizione interna


c. 51r


Autore:
Stampiglia, Silvio <1664-1725>
    Nomi sul manoscritto
    Palemone Licurio, citato a c. 51r

Titolo presente: E piu bella risorsa, e piu famosa (c. 51r)
Note: precede il testo: Sonetto III di Palemone Licurio.

Incipit : E piu bella risorsa, e piu famosax (c. 51r)

Explicit : terger fù vista al lieto avviso il pianto (c. 51r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Palemone Licurio.

Descrizione interna


c. 52r


Autore:
Mattei Orsini, Girolamo <arcivescovo ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Licota Ostracinio, citato a c. 52r
    Licota Ostralinio, citato a c. 52r

Titolo presente: Terger fù vista al lieto avviso il pianto (c. 52r)
Note: precede il testo: Sonetto IV di Licota Ostracinio.

Incipit : Terger fù vista al lieto avviso il pianto (c. 52r)

Explicit : mentre virtù gemea grave, e dogliosa (c. 52r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Licota Ostralinio.

Descrizione interna


c. 52v


Autore:
Zappi, Giovanni Battista Felice <1667-1719>
    Nomi sul manoscritto
    Tirsi Leucosio, citato a c. 52v

Titolo presente: Mentre virtù gemea grave, e dogliosa (c. 52v)
Note: precede il testo: Sonetto V di Tirsi Leucosio.

Incipit : Mentre virtù gemea grave, e dogliosa (c. 52v)

Explicit : de l’estinto Alessandro a l’urna a canto (c. 52v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Tirsi.

Descrizione interna


c. 53r


Autore:
Strozzi, Leone <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Leon Strozzi, citato a c. 53r
    Nitilo Geresteo, citato a c. 53r

Titolo presente: Dell’estinto Alessandro all’urna accanto (c. 53r)
Note: precede il testo: Sonetto VI di Nitilo Geresteo.

Incipit : Dell’estinto Alessandro all’urna accanto (c. 53r)

Explicit : ver noi l’aspra del cielo ira minac[…] (c. 53r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: D. Leon Strozzi.

Descrizione interna


c. 53v


Autore:
Paolucci, Giuseppe <1661-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Alessi Cillenio, citato a c. 53v

Titolo presente: Ver noi l’aspra del cielo ira minace (c. 53v)
Note: precede il testo: Sonetto VII di Alessi Cillenio.

Incipit : Ver noi l’aspra del cielo ira minace (c. 53v)

Explicit : infranse l’arco el gia vibrato telo (c. 53v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Alessi.

Descrizione interna


c. 54r


Autore:
Figari, Pompeo <abate ; ca. 1650-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Montano Falanzio, citato a c. 54r

Titolo presente: Infranse l’arco e ’l già vibrato telo (c. 54r)
Note: precede il testo: Sonetto VIII di Montano Falanzio.

Incipit : Infranse l’arco e ’l già vibrato telo (c. 54r)

Explicit : pianse allor Babilonia empia mendace (c. 54r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Montano Falanzio.

Descrizione interna


c. 56r


Autore:
Bussi, Giulio <1646-1714>
    Nomi sul manoscritto
    Giulio Bussi, citato a c. 56r
    Tirinto Trofeio, citato a c. 56r

Titolo presente: Pianse all’or Babilonia empia mendace (c. 56r)
Note: precede il testo: Sonetto IX.

Incipit : Pianse all’or Babilonia empia mendace (c. 56r)

Explicit : pensosa, mesta e involta in atro gelo (c. 56r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Del conte Giulio Bussi detto Tirinto Trofeio.

Descrizione interna


c. 57r


Autore:
Del_Torto, Gaspare <sec. 17. 2. metà>
    Nomi sul manoscritto
    Eriscrato Basseo, citato a c. 57r

Titolo presente: La candida di Dio nunzia di pace (c. 57r)
Note: precede il testo: Sonetto XI d’Eriscrato Basseo.

Incipit : La candida di Dio nunzia di pace (c. 57r)

Explicit : quel dì che sciolse à i fati nostri il velo (c. 57r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Eriscrato Basseo.

Descrizione interna


c. 58r


Autore:
San_Martino, Carlo Enrico <m. 1726>
    Nomi sul manoscritto
    Carlo Enrico San Martino, citato a c. 58r
    Lucanio Cinureo, citato a c. 58r

Titolo presente: Quel dì che sciolse a i fati nostri il velo (c. 58r)
Note: precede il testo: Sonetto duodecimo di Lucanio Cinureo.

Incipit : Quel dì che sciolse a i fati nostri il velo (c. 58r)

Explicit : col puro ardor de’l’innocente face (c. 58r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Del conte Carlo Enrico San Martino.

Descrizione interna


c. 60r


Autore:
Del_Nero, Paolo Antonio <1666-1718>
    Nomi sul manoscritto
    Siringo Reteo, citato a c. 60r

Titolo presente: Col puro ardor dell’innocente face (c. 60r)
Note: precede il testo: Sonetto XIII di Siringo Reteo.

Incipit : Col puro ardor dell’innocente face (c. 60r)

Explicit : spargeva Amor d’immensa luce il cielo (c. 60r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Siringo Reteo.

Descrizione interna


c. 61r


Autore:
Taia, Agostino Maria <abate ; m. 1717>
    Nomi sul manoscritto
    Silvio Pereteo, citato a c. 61r

Titolo presente: Spargeva Amor d’immensa luce il cielo (c. 61r)
Note: precede il titolo: Sonetto XIII di Silvio Pereteo.

Incipit : Spargeva Amor d’immensa luce il cielo (c. 61r)

Explicit : oggi ch’al fianco al gran pastor riposa (c. 61r)


ms.3, unità codicologica 4


Carte 63-82.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 63r-82r Stagione III. Ragunanza IV nel Bosco Parrasio (c. 63r).

Descrizione interna


cc. 64r-76v


Titolo presente: Sonetto di Fortunio Maloetide colla Critica d’Aristeo Cratio, e colla Controcritica d’Eutimo Leuconidio tutti pastori arcadi (c. 64r)
Note: segue: Critica, e Contro critica sopra il dietro scritto sonetto, c. 66r.

Descrizione interna


c. 66v


Autore:
Segni, Alessandro <1633-1697>
    Nomi sul manoscritto
    Alessandro Segni, citato a c. 66v
    Fortunio Maloetide, citato a c. 66v

Titolo presente: L’alto fattor’, che perfetion’ volea (c. 66v)

Incipit : L’alto fattor’, che perfetion’ volea (c. 66v)

Explicit : per voi sapienza se medesima intende (c. 66v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Del signor senatore Alessandro Segni fiorentino accademico della Crusca detto tra gli arcadi Fortunio Maloetide.

Descrizione interna


cc. 67r-70r


Autore:
Salvini, Antonio Maria <1653-1729>
    Nomi sul manoscritto
    Aristeo Cratio, citato a c. 70r

Titolo presente: Critica (c. 67r)

Incipit : Dura materia di ragionare (c. 67r)

Explicit : ed amoroso, e gentile (c. 70r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Del signor abbate Antonio Maria Salvini fiorentino accademico della Crusca detto fra gli arcadi Aristeo Cratio.

Descrizione interna


cc. 70v-76v


Autore:
De_Magistris, Michelangelo <S.I. ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Eutimo Leuconidio, citato a c. 76v

Titolo presente: Contro critica (c. 70v)

Incipit : Sodisfo al desiderio di vostra signoria (c. 70v)

Explicit : de suoi pregiatissimi comandi, e resto di vostra signoria (c. 76v)
Nota all'explicit: seguono la data cronica e il nome dell’autore: 24 agosto 90, Del padre Michel Angiolo de Magistris della Compagnia di Gesù detto fra gli arcadi Eutimo Leuconidio.

Descrizione interna


c. 78r


Autore:
Figari, Pompeo <abate ; ca. 1650-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Montano Falanzio, citato a c. 78r

Titolo presente: Pastori or sì giusta cagion richiede (c. 78r)
Note: precede il testo: Per lo Natale del serenissimo principino Farnese nato di sette mesi. Sonetto.

Incipit : Pastori or sì giusta cagion richiede (c. 78r)

Explicit : e sol per voi pria del suo tempo è nato (c. 78r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Montano Falanzio.

Descrizione interna


c. 78v


Autore:
Figari, Pompeo <abate ; ca. 1650-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Montano Falanzio, citato a c. 78v

Titolo presente: Quanto allor tu gioisti o Arcadia bella (c. 78v)
Note: precede il testo: Per la morte del suddetto principino. Sonetto.

Incipit : Quanto allor tu gioisti o Arcadia bella (c. 78v)

Explicit : a te li difensori, i figli al padre (c. 78v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Montano Falanzio.

Descrizione interna


c. 79r


Autore:
Figari, Pompeo <abate ; ca. 1650-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Montano Falanzio, citato a c. 79r

Titolo presente: L’Arcadia mia poiché, di dolci umori (c. 79r)
Note: precede il testo: In lode degli eminentissimi cardinali Ottoboni, et Albani assistenti all’Arcadia. Sonetto allusivo alla corona fatta l’altra volta al sommo pastore.

Incipit : L’Arcadia mia poiché, di dolci umori (c. 79r)

Explicit : doppia in due sacri eroi l’alba ne ammiri (c. 79r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Montano Falanzio.

Descrizione interna


c. 80r


Autore:
Stampiglia, Silvio <1664-1725>
    Nomi sul manoscritto
    Palemone Licurio, citato a c. 80r

Titolo presente: Ninfa d’altera, e maestosa imago (c. 80r)

Incipit : Ninfa d’altera, e maestosa imago (c. 80r)

Explicit : pria lieta si poi lagrimosa tanto (c. 80r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Palemone Licurio.

Descrizione interna


c. 81r


Autore:
Lana, Niccolò <sec. 17. 2. metà>
    Nomi sul manoscritto
    Licinno Anemosio, citato a c. 81r

Titolo presente: Vide fra gigli in culla d’oro Amore (c. 81r)
Note: precede il testo: Per la morte del principino di Parma.

Incipit : Vide fra gigli in culla d’oro Amore (c. 81r)

Explicit : altro in se di morte, se non la vita (c. 81r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Licinno Anemosio.

Descrizione interna


c. 82r


Autore:
Leonio, Vincenzo <1650-1720>
    Nomi sul manoscritto
    Uranio Tegeo, citato a c. 82r

Titolo identificato: Caro arboscel che d’alti faggi a scorno

Incipit : Caro arboscel che d’alti faggi a scorno (c. 82r)

Explicit : da la stirpe immortal novelli eroi (c. 82r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Uranio Tegeo pastore arcade.

Osservazioni:
cfr. Rime degli Arcadi, vol. I, In Roma, per Antonio Rossi alla piazza di Ceri, 1716 p. 319.


ms.3, unità codicologica 5


Carte 83-98.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 83r-98r Stagione III. Ragunanza V nel Bosco Parrasio (c. 83r).

Descrizione interna


cc. 85r-88r


Autore:
Buonaccorsi, Filippo <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Lico Mantineo, citato a c. 85r

Titolo presente: Trattenimento fatto da Lico Mantineo per i pastori venuti alla raunanza nel Bosco Parrasio il dì <spazio vuoto> dell’Olimpiadi cioè <spazio vuoto> (c. 85r)

Incipit : Sì grande è il contento (c. 85r)

Explicit : diverse ragioni della terra (c. 88r)

Descrizione interna


cc. 89r-95v


Autori:
Figari, Pompeo <abate ; ca. 1650-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Montano Falanzio, citato a c. 95v

Mattei Orsini, Girolamo <arcivescovo ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Licota Ostralinio, citato a c. 95v

Titolo presente: Tù qui Licota! E quando il sol ne irradia (c. 89r)
Note: precede il testo: Montano, e Licota. Egloga.

Incipit : Tù qui Licota! E quando il sol ne irradia (c. 89r)

Explicit : ritorneremo un’altra volta a sciogliere (c. 95v)
Nota all'explicit: seguono i nomi degli autori: Montano Falanzio. Licota Ostralinio.

Descrizione interna


c. 97r


Autore:
Somai, Angelo Antonio <abate ; 1668-1745>
    Nomi sul manoscritto
    Ila Orestasio, citato a c. 97r

Titolo presente: Poiche ridir non vuoi, quand’ella siede (c. 97r)
Note: precede il testo: Segue l’argomento del sonetto del fiumicello.

Incipit : Poiche ridir non vuoi, quand’ella siede (c. 97r)

Explicit : torbido, oscuro e senza gloria andresti (c. 97r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Ila Orestasio pastore arcade.

Descrizione interna


c. 98r


Autore:
Federici, Giovanni Battista <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Orcadio Amarintio, citato a c. 98r

Titolo presente: La ve Roma pietosa i grandi orrori (c. 98r)
Note: precede il testo: Per la ragunanza de pastori arcadi a gli Orti Palatini. Sonetto d’Orcadio Amarintio.

Incipit : La ve Roma pietosa i grandi orrori (c. 98r)

Explicit : allor fosti più grande, ed or più saggia (c. 98r)


ms.3, unità codicologica 6


Carte 100-134.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 100r-134v Stagione III. Ragunanza VI nel Bosco Parrasio per la lettura de’ componimenti de’ pastori arcadi abitanti fuori d’Arcadia (c. 100r).

Descrizione interna


cc. 102r-105r


Autore:
Gontieri, Francesco Maurizio <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Francesco Maurizio Gonteri, citato a c. 102r
    Gierasto Tritonio, citato a c. 102r

Titolo presente: Deh veggi, ò Febo, la mia debil mente (c. 102r)
Note: precede il testo: In lode di Barbara ninfa udita cantar di notte. Canzone di monsignor Francesco Maurizio Gonteri tra gli arcadi Gierasto Tritonio.

Incipit : Deh veggi, ò Febo, la mia debil mente (c. 102r)

Explicit : puche Barbara almen non ne dispregi (c. 105r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Gierasto Tritonio pastore arcade.

Descrizione interna


c. 106r


Autore:
Forzoni Accolti, Pier Andrea <1639-1719>
    Nomi sul manoscritto
    Arpalio Abeatico, citato a c. 106r
    Arpalio Abeatide, citato a c. 106r
    Pierandrea Forzoni , citato a c. 106r

Titolo identificato: S’il dissi mai, che sovra il crin mi piova
Note: precede il testo: Scusa amorosa del signor Pierandrea Forzoni tra gli arcadi Arpalio Abeatico.

Incipit : S’il dissi mai, che sovra ’l crin mi piova (c. 106r)

Explicit : quest’ombra dileguar atra, e mortale (c. 106r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Arpalio Abeatide.

Osservazioni:
cfr. L’istoria della volgar poesia scritta da Gio. Mario Crescimbeni…, vol. I, In Venezia, presso Lorenzo Basegio, 1731, pp. 541-542.

Descrizione interna


c. 107r


Autore:
Forzoni Accolti, Pier Andrea <1639-1719>
    Nomi sul manoscritto
    Arpalio Abeatico, citato a c. 107r
    Pierandrea Forzoni , citato a c. 107r

Titolo presente: Maggior de regni aver’ la nobil alma (c. 107r)
Note: precede il testo: Lodi di Basilissa del signor Pierandrea Forzoni tra gli arcadi Arpalio Abeatico.

Incipit : Maggior de regni aver’ la nobil alma (c. 107r)

Explicit : e per volar a lui, ne foste vanni (c. 107r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Arpalio Abeatide.

Descrizione interna


c. 108r


Autore:
Forzoni Accolti, Pier Andrea <1639-1719>
    Nomi sul manoscritto
    Pier’ Andrea Forzoni, citato a c. 108r

Titolo identificato: Se portai fiamme al core, ebbi acque al ciglio
Note: precede il testo: Amoroso del signor Pier’ Andrea Forzoni detto Arpalio Abeatico.

Incipit : Se portai fiamme al core, ebbi acque al ciglio (c. 108r)

Explicit : ardi: lodane Amore: e soffri, e dura (c. 108r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Arpalio Abeatide.

Osservazioni:
cfr. Rime degli Arcadi, vol. VI, In Roma, per Antonio de’ Rossi alla piazza di Ceri, 1717, p. 33.

Descrizione interna


c. 109r


Autore:
Vincenzo : da#Filicaia <1642-1707>
    Nomi sul manoscritto
    Polibo Emonio, citato a c. 109r
    Vincenzo da Filicaia, citato a c. 109r

Titolo identificato: Misero ingegno, nel cui suolo aprico
Note: precede il testo: S[onetto] del signor Vincenzo da Filicaia tra gli arcadi Polibo Emonio (c. 109r).

Incipit : Misero ingegno, nel cui suolo aprico (c. 109r)

Explicit : colli le ninfe l’ascoltaro attente (c. 109r)

Osservazioni:
cfr. Poesie toscane del senatore Vincenzio da Filicaia, vol. I, Firenze, per Niccolò Conti, 1819, p. 183.

Descrizione interna


c. 110r


Autore:
Amigoni, Floriano Maria <abate ; 1670-1749>
    Nomi sul manoscritto
    Alpago Milaonio, citato a c. 110r

Titolo presente: Qui dove gli augelletti, e l’aure, e l’onde (c. 110r)
Note: precede il testo: Del padre don Floriano Maria Amigoni tra gli arcadi Alpago Milaonio.

Incipit : Qui dove gli augelletti, e l’aure, e l’onde (c. 110r)

Explicit : che fece il sole, il cielo, il mar, e noi (c. 110r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Alpago Milaonio.

Descrizione interna


c. 113r


Autore:
Arisi, Francesco <1657-1743>
    Nomi sul manoscritto
    Eufemo Batio, citato a c. 113r
    Francesco Arisi, citato a c. 113r

Titolo presente: Da’ l’erculea del Po’ sinistra rive (c. 113r)
Note: precede il testo: Del signor Francesco Arisi tra gli arcadi Eufemo Batio.

Incipit : Da’ l’erculea del Po’ sinistra rive (c. 113r)

Explicit : sol da lupi to[g]ati ei lo difende (c. 113r)

Descrizione interna


c. 114r


Autore:
Mozzetti, Giovanni Antonio <sec. 17. 2. metà>
    Nomi sul manoscritto
    Gio. Antonio Mozzetti, citato a c. 114r
    Mirsilo Folonio, citato a c. 114r

Titolo presente: Lungi dal patrio suol come poss’io (c. 114r)
Note: precede il testo: Del signor Gio. Antonio Mozzetti tra gli arcadi Mirsilo Folonio.

Incipit : Lungi dal patrio suol come poss’io (c. 114r)

Explicit : crederà, che sian canti, e son querele (c. 114r)

Descrizione interna


c. 114v


Autore:
Vignoli, Giovanni <1663-1733>
    Nomi sul manoscritto
    Alburnio Ripeo, citato a c. 114v

Titolo presente: Mirsilo al suon de’ la sampogna, ond’io (c. 114v)
Note: precede il testo: Risposta.

Incipit : Mirsilo al suon de’ la sampogna, ond’io (c. 114v)

Explicit : forse ch’or non saria tanto crudele (c. 114v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Di Alburnio Ripeo.

Descrizione interna


c. 115r


Autore:
Mozzetti, Giovanni Antonio <sec. 17. 2. metà>
    Nomi sul manoscritto
    Mirsilo Folonio, citato a c. 115r

Titolo presente: Oh qual d’estro febeo fiamma sonora (c. 115r)
Note: precede il testo: Per la nascita del principino nipote dell’eminentissimo Cantelmi seguita nel giorno dell’esaltazione della croce. Sonetto dedicato a sua eminenza di Mirsilo Folonio.

Incipit : Oh qual d’estro febeo fiamma sonora (c. 115r)

Explicit : lo chiama il ciel ad esaltar la croce (c. 115r)

Descrizione interna


cc. 116r-117r


Autore:
Borghesi, Ridolfo <canonico ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Philander Athęneus, citato a c. 116r

Titolo presente: Procustos Tegee pastores Arcadas inter (c. 116r)
Note: precede il testo: Philander Athęneus Arcadię pastor Uranio Tegeo pastori, et Arcadię procustodi S.D. […] epistola. D. Con.ci Rodolphi Burghesi inter Arcades Philandri Athenei.

Incipit : Procustos Tegee pastores Arcadas inter (c. 116r)

Explicit : si te pręsente, aut me non absente dolere (c. 117r)

Descrizione interna


c. 118r


Autore:
Crescimbeni, Giovanni Mario <1663-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Alfesibeo Cario, citato a c. 118r
    Giovanni Mario Crescimbeni, citato a c. 118r

Titolo identificato: Agli occhi il cor, se il solito alimento
Note: precede il testo: Del signor Giovanni Mario Crescimbeni tra gli arcadi Alfesibeo Cario nostro custode.

Incipit : Agli occhi il cor, se’l solito alimento (c. 118r)

Explicit : ch’ei la parte amò sol men pura, e degna (c. 118r)

Osservazioni:
cfr. Rime degli Arcadi, vol. I, In Roma, per Antonio Rossi alla piazza di Ceri, 1716, p. 62.

Descrizione interna


c. 120r


Autore:
Merighi, Romano <OSBCam ; ‏1658-1737‏>
    Nomi sul manoscritto
    Retilo Castoreo, citato a c. 120r

Titolo presente: Metamorfosi del giglio d’oro (c. 120r)
Note: segue: Arme dell’illustrissima signora contessa sposa Lucrezia Ginnasi. Si allude al sole, impresa del illustrissimo signor marchese Antonio Poggiolini.

Incipit : Del Vatrere sù la riva, oltra il costume (c. 120r)

Explicit : col dorato colore il fior dipinse (c. 120r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Di Retilo Castoreo.

Descrizione interna


c. 121r


Autore:
Ansidei, Giuseppe <1642-1707>
    Nomi sul manoscritto
    Corisco Malatio, citato a c. 121r
    Gioseppe Ansidei, citato a c. 121r

Titolo presente: Tragga pe’ ’l seno instabile di Dori (c. 121r)
Note: precede il testo: Cloride sbadiglia del signor Gioseppe Ansidei detto Corisco Malatio.

Incipit : Tragga pe’ ’l seno instabile di Dori (c. 121r)

Explicit : accogli, ò bella, i caldi miei sospiri (c. 121r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Di Corisco Malateo della campagna re[…] .

Descrizione interna


c. 124r


Autore:
Merighi, Romano <OSBCam ; ‏1658-1737‏>
    Nomi sul manoscritto
    Retilo Castoreo, citato a c. 124r

Titolo presente: Pensai rompere un dì l’aspre catene (c. 124r)

Incipit : Pensai rompere un dì l’aspre catene (c. 124r)

Explicit : qui tutti i miei sospir sciolti in aurette (c. 124r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Retilo Castoreo.

Descrizione interna


cc. 125r-131v


Autore:
Doni, Carlo <abate ; sec. 17./18.>
    Nomi sul manoscritto
    Carlo Doni, citato a c. 125r
    Cessenio Issunteo, citato a c. 125r

Titolo presente: Già tutta di smeraldo (c. 125r)
Note: precede il testo: Del signor abbate Carlo Doni detto Cessenio Issunteo.

Incipit : Già tutta di smeraldo (c. 125r)

Explicit : e la cetra selvaggia in voto appendo (c. 131v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Di Cessenio Issunteo pastore arcade.

Descrizione interna


c. 133r


Autore:
Montevecchio, Pompeo Camillo : di <1662-1752>
    Nomi sul manoscritto
    Fertilio Lileo, citato a c. 133r

Titolo presente: Diceami Elpin, che senza speme Amore (c. 133r)
Note: precede il testo: Del signor conte Pompeo Camillo di Montevecchio detto Tertilio Lileo.

Incipit : Diceami Elpin, che senza speme Amore (c. 133r)

Explicit : con le viscere mie sazia le brame (c. 133r)

Descrizione interna


c. 133v


Autore:
Del_Nero, Paolo Antonio <1666-1718>
    Nomi sul manoscritto
    Paolo del Nero, citato a c. 133v
    Siringo Reteo, citato a c. 133v

Titolo identificato: Ecco il volto leggiadro, al cui splendore
Note: precede il testo: Del signor abbate Paolo del Nero tra gli arcadi Siringo Reteo.

Incipit : Ecco il volto leggiadro, al cui splendore (c. 133v)

Explicit : la sua fragil bellezza, e ’l mio destino (c. 133v)

Osservazioni:
cfr. Scelta di sonetti e canzoni de’ piu eccellenti rimatori d’ogni secolo..., vol. III Parte terza, che contiene i rimatori viventi del 1709, In Bologna, per Costantino Pisarri, sotto le Scuole, 1711, p. 310.

Descrizione interna


c. 134r


Autore:
Teglia, Francesco : del <m. 1731>
    Nomi sul manoscritto
    Elenco Bocalio, citato a c. 134r
    Francesco del Teglia, citato a c. 134r

Titolo presente: Oh vezzosette amiche rondinelle (c. 134r)
Note: precede il testo: Del signor Francesco del Teglia tra gli arcadi Elenco Bocalio. Sonetto I.

Incipit : Oh vezzosette amiche rondinelle (c. 134r)

Explicit : Tirsi, Tirsi, le dite, ancore t’adora (c. 134r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Autore Francesco del Teglia detto fra gli arcadi Elenco Bocalio.

Descrizione interna


c. 134v


Autore:
Bigarelli, Pietro <sec. 17. 2. metà>
    Nomi sul manoscritto
    Pietro Bigarelli, citato a c. 134v
    Romildo Alcionio, citato a c. 134v

Titolo presente: Antro, che ’l di nel cavo sen confondi (c. 134v)
Note: precede il testo: Del signor Pietro Bigarelli, detto Romildo Alcionio.

Incipit : Antro, che ’l di nel cavo sen confondi (c. 134v)

Explicit : perché il cenere suo non porti meco? (c. 134v)


ms.3, unità codicologica 7


Carte 135-149.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 135r-149v Componimenti de’ pastori arcadi della colonia aretina (c. 135r).

Descrizione interna


cc. 137r-143r


Autore:
Capalli, Giovanni Battista <1625-1695>
    Nomi sul manoscritto
    Erimone Palio, citato a c. 137r

Titolo presente: Il Vergaro (c. 137r)
Note: segue: Egloga di Erimone Palio pastore arcade e vice custode de pastori arcadi forzati habitanti nelle campagne aretine. Del signor Giovanni Battista Capalli tra gli arcadi Erimone Palio.

Incipit : Il gregge hora che pasce (c. 137r)

Explicit : d’Amore in pegno (c. 143r)

Descrizione interna


c. 145r-v


Autore:
Guadagni, Pietro <m. 1704>
    Nomi sul manoscritto
    Berico Aminio, citato a c. 145r

Titolo presente: Sospirati dolcissimi contenti (c. 145r)
Note: precede il testo: Allegrezza d’Aminta per il ritorno di Clori. Sonetto del Pigro tra forzati detto Berico Aminio tra gli arcadi.

Incipit : Sospirati dolcissimi contenti (c. 145r)

Explicit : passo al tuo ritornar dal pianto al riso (c. 145r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Del signor Pietro Guadagni tra gli arcadi Berico Aminio (c. 145v).

Descrizione interna


c. 146r-v


Autore:
Capalli, Giovanni Battista <1625-1695>
    Nomi sul manoscritto
    Erimone Palio, citato a c. 146r

Titolo presente: Che tardate a tornare o miei contenti (c. 146r)
Note: precede il testo: <ii>Allegrezza d’Aminta per il ritorno di Clori. Sonetto d’Erimone Palio pastore arcade, e de pastori arcadi forzati habitanti nelle campagne aretine maturo segretario, e vice custode.

Incipit : Che tardate a tornare o miei contenti (c. 146r)

Explicit : e l’hà cangiato in sempiterno riso (c. 146r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Del signor Giovanni Battista Capalli tra gli arcadi Erimone Palio vice custode della nostra colonia aretina (c. 146v).

Descrizione interna


c. 147r-v


Autore:
Ricci, Marco Antonio <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Solcano Crunio, citato a c. 147r

Titolo presente: Oh del cielo d’Amore veri contenti (c. 147r)
Note: segue: Allegrezza d’Aminta per il ritorno di Clori. Sonetto di Solcano Crunio pastore arcade forzato.

Incipit : Oh del cielo d’Amore veri contenti (c. 147r)

Explicit : se ridonda nel cor la gioia, el riso (c. 147r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Del signor conte Marco Antonio Ricci tra gli arcadi Solcano Crunio (c. 147v).

Descrizione interna


c. 148r-v


Autore:
Degli_Azzi Forti, Faustina <1650-1724>
    Nomi sul manoscritto
    Selvaggia Eurinomia, citato a c. 148r

Titolo presente: A mè ritorni o Clori? Ecco i contenti (c. 148r)
Note: segue: Allegrezza d’Aminta per il ritorno di Clori. Selvaggia Eurinomia. Sonetto.

Incipit : A mè ritorni o Clori? Ecco i contenti (c. 148r)

Explicit : piu soave la gioia, e dolce il riso (c. 148r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Della signora Faustina Azzi de’ Forti tra gli arcadia Selvaggia Eurinomia (c. 148v).

Descrizione interna


c. 149r-v


Autore:
Mauri, Giovanni <sec. 17. 2. metà>
    Nomi sul manoscritto
    Giovanni Mauri, citato a c. 149v
    Peonio Anchiseo, citato a c. 149r
    Timido, citato a c. 149r

Titolo presente: Deh respira, ò cor mio, dolci contenti (c. 149r)
Note: precede il testo: Allegrezza d’Aminta per il ritorno di Clori. Sonetto di Peonio Anchiseo, tra forzati il Timido.

Incipit : Deh respira, ò cor mio, dolci contenti (c. 149r)

Explicit : e in questi, e in sen vivami sempre il riso (c. 149r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Del signor Giovanni Mauri tra gli arcadi Peonio Anchiseo (c. 149v).


ms.3, unità codicologica 8


Carte 150-165.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 150r-165v Componimenti de pastori arcadi abitanti nella colonia maceratese (c. 150r).

Descrizione interna


c. 152r-v


Autore:
Aurispa, Niccolò <sec, 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Pinaco Linnate, citato a c. 152r

Titolo presente: Ecco, che torna ormai Filli pensosa (c. 152r)
Note: precede il testo: Di Pinaco Linnate. Pastore in questa nuova stagione così parla alla sua ninfa. Sonetto.

Incipit : Ecco, che torna ormai Filli pensosa (c. 152r)

Explicit : dell’aggiacciato cor l’alpi nel core (c. 152r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Del signor Niccolò Aurispa tra gli arcadi Pinaco Linnate vice custode della nostra colonia maceratese (c. 152v).

Descrizione interna


c. 154r


Autore:
Ricci, Francesco <m. 1718>
    Nomi sul manoscritto
    Acone Alesiano, citato a c. 154r

Titolo presente: Finche seguace io più d’un sol sembiante (c. 154r)
Note: precede il testo: Pastore amante di due ninfe così la discorre. Sonetto del signor Francesco Ricci tra gli arcadi Acone Alesiano.

Incipit : Finche seguace io più d’un sol sembiante (c. 154r)

Explicit : tù perderai in un tempo e Fille, e Clori (c. 154r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Acone Alesiano.

Descrizione interna


c. 154v


Autore:
Aurispa, Niccolò <sec, 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Pinaco Linnate, citato a c. 154v

Titolo presente: Sgrezzò della siringa (c. 154v)
Note: precede il testo: Nell’ultima adunanza fatta in campagna… il seguente madrigale.

Incipit : Sgrezzò della siringa (c. 154v)

Explicit : ed è fatta servir di candeliero (c. 154v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Pinaco Linnate vice.

Descrizione interna


cc. 155r-156v


Autore:
Conti, Carlo <abate ; m. 1725>
    Nomi sul manoscritto
    Eridamus Caluntinus, citato a c. 155r

Titolo presente: Amyntas (c. 155r)
Note: precede il titolo: Egloga dell’abbate Caroli comitibus inter arcados Eridami Caluntini.

Incipit : Tyrreni vitream lętus prope fluminis undam (c. 155r)

Explicit : lustrabit terras, et amabunt flumina pisces (c. 156v)

Descrizione interna


cc. 157r-158v


Autore:
Ricci, Gregorio <sec. 17. 2. metà>
    Nomi sul manoscritto
    Gillus Porinius, citato a c. 158v

Titolo presente: Sis quamvis Opice Senex, et mentis onustus (c. 157r)
Note: precede il testo: Domini marchi Gregorii Ricci inter Arcados Gilli Porinii. Argumentum… Egloga sexta… Opicus.

Incipit : Sis quamvis Opice Senex, et mentis onustus (c. 157r)

Explicit : dummodo quisque manus alieno repleat auro (c. 158v)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Gillus Porinius pastor Arcas canebat.

Descrizione interna


c. 159r


Autore:
De_Magistris, Michelangelo <S.I. ; sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Euthimus Leuconidus, citato a c. 159r

Titolo presente: Qui dubia geminum lauru suspenderat orbem (c. 159r)
Note: precede il testo: Scipio Africanus triumphale corpus ita versat ad Citharę numerum, ut nihil interim remittat de imperatoris maiestate, olim Cartagini metunda. Epigramma.

Incipit : Qui dubia geminum lauru suspenderat orbem (c. 159r)

Explicit : an quod delicias iusserit esse truces (c. 159r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Est Euthimi Leuconidi pastoris arcadis.

Descrizione interna


c. 160r


Autore:
Troili, Filippo <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Nespilo Eparitio, citato a c. 160r

Titolo presente: Sotto un’elce, d’un fiume al mormorio (c. 160r)
Note: precede il testo: Del signor Filippo Troili tra gli arcadi Nespilo Eparitio.

Incipit : Sotto un’elce, d’un fiume al mormorio (c. 160r)

Explicit : dieder forma di gioia à i lor tormenti (c. 160r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Nespilo Eparitio pastore arcade.

Descrizione interna


c. 161r-v


Autore:
Ridolfi, Giovanni Battista <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Ferildo Azaniano, citato a c. 161r

Titolo presente: Lascia il campo, o Rosilla, e delle bionde (c. 161r)
Note: precede il testo: A Rosilla impiegata in raccor le spiche e prender acqua. Sonetto.

Incipit : Lascia il campo, o Rosilla, e delle bionde (c. 161r)

Explicit : miglior acque trovar del pianto mio? (c. 161r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Ferildo Azaniano pastore arcade; Del signor Giovanni Battista Rodolfi tra gli arcadi Ferildo Azaniano (c. 161v).

Descrizione interna


cc. 162r-163r


Autore:
Alaleona, Giuseppe <1670-1749>
    Nomi sul manoscritto
    Rosindo Lisiade, citato a c. 162r

Titolo elaborato: Componimenti poetici
Note: precede il testo: Gentilissimo e valorosissimo pastore… Rosindo Lisiade pastore arcade.

Descrizione interna


c. 162rA


Autore:
Alaleona, Giuseppe <1670-1749>

Titolo presente: Risorgi ò Fidia, e con la man vetusta (c. 162rA)
Note: precede il testo: Nella morte del duca di Lorena. Sonetto.

Incipit : Risorgi ò Fidia, e con la man vetusta (c. 162rA)

Explicit : più da vicino ad affrontar lo lutto (c. 162rA)

Descrizione interna


c. 162rB-vA


Autore:
Alaleona, Giuseppe <1670-1749>

Titolo presente: Solca l’alato dio (c. 162rB)
Note: precede il testo: Canzonetta anacreontica.

Incipit : Solca l’alato dio (c. 162rB)

Explicit : il cor rapito (c. 162vA)

Descrizione interna


c. 162vA


Autore:
Alaleona, Giuseppe <1670-1749>

Titolo presente: Mentre lungi da Filli il pie sen’gia (c. 162vA)
Note: precede il testo: Amor conservato in lontano. Sonetto.

Incipit : Mentre lungi da Filli il pie sen’gia (c. 162vA)

Explicit : frode è, disse, d’amor, e par costanza (c. 162vA)

Descrizione interna


c. 162vA-B


Autore:
Alaleona, Giuseppe <1670-1749>

Titolo presente: Qual torrente al cui sen l’estivo raggio (c. 162vA)
Note: precede il testo: Sonetto morale.

Incipit : Qual torrente al cui sen l’estivo raggio (c. 162vA)

Explicit : con le lagrime sue, spegne il suo foco (c. 162vB)

Descrizione interna


cc. 162vB-163rB


Autore:
Alaleona, Giuseppe <1670-1749>
    Nomi sul manoscritto
    Rosindo Lisiade, citato a c. 163rB

Titolo presente: Io non posso non amarti (c. 162vB)
Note: precede il testo: Canzonetta anacreontica.

Incipit : Io non posso non amarti (c. 162vB)

Explicit : soggiunge l’aura, è più di me incostante (c. 163rB)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Rosindo Lisiade pastore arcade.

Descrizione interna


c. 164r


Autore:
Frontoni, Maria <sec. 17. ex.>
    Nomi sul manoscritto
    Clomiri Borea, citato a c. 164r

Titolo presente: Generoso signor, alto, ed illustre (c. 164r)
Note: precede il testo: A monsignor Banchieri detto tra gli arcadi Vitauro Antigoneo. Sonetto. Di Clomiri Borea.

Incipit : Generoso signor, alto, ed illustre (c. 164r)

Explicit : vero di canterò pastor del mondo! (c. 164r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Maria Frontoni.

Descrizione interna


c. 165r-v


Autore:
Alaleona, Giuseppe <1670-1749>
    Nomi sul manoscritto
    Rosindo Lisiade, citato a c. 165r

Titolo presente: Qual fiumicel dal caro fonte mio (c. 165r)
Note: precede il testo: Pastori di San Martino addio caro custode.

Incipit : Qual fiumicel dal caro fonte mio (c. 165r)

Explicit : dolce cagion d’ogni amarezza mia (c. 165r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Rosindo Lisiade pastore arcade.


ms.3, unità codicologica 9


Carte 166-172.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 166r-172r Stagione III. Ragunanza VII, ed ultima nel Bosco Parrasio (c. 166r).

Descrizione interna


c. 168r


Autore:
Paolucci, Giuseppe <1661-1730>
    Nomi sul manoscritto
    Alessi Cillenio, citato a c. 168r

Titolo presente: Punto Cupido un di dal suo natio (c. 168r)

Incipit : Punto Cupido un di dal suo natio (c. 168r)

Explicit : senti da mille punte il cor piagato (c. 168r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: Alessi Cillenio alias Giuseppe Paolucci.

Descrizione interna


c. 170r


Autore:
Masseri, Pellegrino <1648-1718>
    Nomi sul manoscritto
    Faburno Cisseo, citato a c. 170r

Titolo presente: Giuro ad Amore per quella face, ond’ardo (c. 170r)
Note: precede il testo: Sonetto.

Incipit : Giuro ad Amore per quella face, ond’ardo (c. 170r)

Explicit : esce irato lo sguardo, e giunge amante (c. 170r)
Nota all'explicit: segue il nome dell’autore: è di Faburno Cisseo.

Descrizione interna


c. 171r


Autore:
Ricci, Gregorio <sec. 17. 2. metà>
    Nomi sul manoscritto
    Gillo Porinio, citato a c. 171r

Titolo presente: Qualor rifletto all’horrida prigione (c. 171r)
Note: precede il testo: Del signor marchese Gregorio Ricci, detto Gillo Porinio.

Incipit : Qualor rifletto all’horrida prigione (c. 171r)

Explicit : che gl’infelici ogn’or fugge la morte (c. 171r)

Descrizione interna


c. 172r


Autore:
Ferranti, Guglielmo <OSBCam ; fl. 1692-1693>
    Nomi sul manoscritto
    Liranio Meleneo, citato a c. 172r

Titolo presente: Ninfa gentil, su verdeggiante prato (c. 172r)
Note: precede il testo: Liranio Meleneo. In morte del serenissimo principe di Parma.

Incipit : Ninfa gentil, su verdeggiante prato (c. 172r)

Explicit : tinse le sfere, e fece azzurro il cielo (c. 172r)


ms.3, unità codicologica 10


Carte 173-209.

Fascicoli legati.

Camicia:
cc. 173r-209v Copie lasciate per la stampa (c. 173r).

Descrizione interna


c. 175r


Autore:
Alaleona, Giuseppe <1670-1749>
    Nomi sul manoscritto
    Rosindo Lisiade, citato a c. 175r

Titolo presente: Cario suol dimmi: o se ascoltassi un giorno (c. 175r)
Note: precede il testo: All’illustrissimo e reverendissimo signor monsignor Francesco Martelli secretario della Sacra Consulta, tra i pastori arcadi Melisseo Trochio. Sonetto di Giuseppe Alaleoni tra i pastori arcadi Rosindo Lisiade.

Incipit : Cario suol dimmi: o se ascoltassi un giorno (c. 175r)

Explicit : anzi mi lodo delle mie ruine (c. 175r)

Descrizione interna


cc. 176r-209v


Autore:
Pollioni, Alessandro <S.I. ; 1665-1728>
    Nomi sul manoscritto
    Anfrisio Patronio, citato a c. 176r

Titolo identificato: L’Eudossia

Titolo presente: L’Eudossia drama d’Anfrisio Patronio pastore arcade (c. 176r)

Incipit : Invan lungi da tetti (c. 178r)

Explicit : se ride doppo il giel (c. 209v)

Osservazioni:
cfr. ALESSANDRO POLLIONI, L’Eudossia. Recitato nel Teatro del Seminario Romano nelle vacanze del carnevale l’anno 1692, In Colonia, [s.n.], 1692.



Progetto: Catalogazione dei manoscritti dell'Archivio dell'Accademia dell'Arcadia
Autore della scheda: Lucrezia Signorello
Tipologia: scheda di prima mano
Data creazione: 23/03/2019 Data modifica: 06/04/2019
CNMS: CNMS\\0000198580

Scarica in formato XML