Manus
Home Ricerca Indici Progetti speciali Biblioteche News Norme catalografiche

home > Trento, Biblioteca del Castello del Buonconsiglio, Monumenti e collezioni provinciali, Fondo Manoscritti, ms.1590

Trento, Biblioteca del Castello del Buonconsiglio, Monumenti e collezioni provinciali, Fondo Manoscritti, ms.1590


Scheda manoscritto

Vedi la descrizione del Fondo

CNMD\0000256801

Manoscritto membranaceo, guardie membranacee; fascicoli legati; 0801-0825 data stimata; cc. I + 218 + I; le carte sono state numerate da c. 1 a 217 per un salto della numerazione tra le cc. 202 e 204.

Dimensioni: mm 288 x 163, (dimensioni rilevate sulla carta centrale del secondo fascicolo).

Fascicolazione:
1-2(8), 3(5), 4-7(8), 8(6), 91(18), 12(10), 13-26(8), 27(6), 28(7); inizio fascicolo lato pelo.

Segnatura dei fascicoli:
tracce di numerazione dei fascicoli in numeri romani.

Rigatura:
a secco.

Specchio rigato:
30 [196] 62 × 17 [101] 45.

Righe:
rr. 21 / ll. 21.

Disposizione del testo:
a piena pagina.

Richiami:
orizzontali.

Scrittura e mani:
note di Iohannes Hinderbach.

Stato di conservazione:
buono.

Decorazione
Databile 0801-0825.

Iniziali
Iniziali semplici.
Iniziali minori geometriche e fitomorfe; titoli in rosso.
Iniziali fitomorfe a cc. 10r, 16r, 16v, 29v, 38r, 64v, 86v, 88v.
Iniziali zoomorfe a cc. 22r, 80v.

Scuola della decorazione:
area sudtirolese; sec. IX primo quarto. Il codice contiene quattro iniziali grandi e sei medie, decorate con motivi a nastro intrecciato, a foglie a terrazza o profilate; le due zoofitomorfe presentano la prima un’asta costituita da un pesce con testa a forma di pera e l’altra aste terminanti con teste di uccelli che mordono l’intreccio. Le numerose iniziali piccole hanno motivi decorativi a banda semplice o a foglie profilate. Eseguito forse per la diocesi di Trento (vista la presenza nell’indice della messa per san Vigilio), le iniziali risentono comunque dell’influsso bavarese.

Legatura:
1975.

Assi in legno.

Coperta, con reimpiego delle cornici anteriore e posteriore in rame e della formella in avorio sulla coperta anteriore. Non è ancora possibile datare con precisione la formella, confrontata con altre del VI e dell’VIII senza giungere a conclusioni certe. L’incertezza riguarda anche l’identificazione dello scriptor raffigurato: visto il contenuto del codice si è pensato a GregorioMagno,mapotrebbeaverfattopartediunditticoequindiprovenire da un altro contesto, ed essere precedente al codice (Futuro dei Longobardi, 387 nr. 368).

Storia del manoscritto:
A c. 1r, di mano del sec. XIII, nota di possesso del Capitolo del Duomo di Trento: "Iste liber est sancti Vigilii". Dalla stessa mano, di seguito, viene data la notizia di un cospicuo prestito di libri ai frati predicatori del convento di San Lorenzo a Trento: "Mutuaverit fratres Predicatores a canonicis Sancti Vigilii duo missalia et 1 ewangeliarium et IIIIor ewangelistas in uno volumine, 1 librum super Ysaiam et 1 super Machabeos, tres super Psalmos, tres de Moralibus Job, Ysidorum, tractatum super kalendarium". Sulla cornice posteriore è niellata la scritta "Quodque foris pulchrum carumque videtur haberi carius intus habet nobis quod littera poscit" (cfr. Restauri ed acquisizioni 1973-1978. Provincia autonoma di Trento, Castello del Buonconsiglio - Palazzo delle Albere, giugno-novembre 1978, catalogo della mostra a cura dell’Assessorato alle Attività culturali della Provincia autonoma di Trento, Trento, TEMI, 1978, p. 233 e Il futuro dei longobardi. L’Italia e la costruzione dell’Europa di Carlo Magno, a cura di Carlo Bertelli, Gian Pietro Brogiolo, Milano, Skira, 2000, p. 387 nr. 368). Sulla controguardia anteriore, segnatura viennese: "nr. 700". Il codice, tradizionalmente attribuito al vescovo Wanga, appartenne al Capitolo del Duomo di Trento, venne prestato ai frati predicatori di San Lorenzo e da lì forse giunse nella biblioteca vescovile. Qui poté leggerlo anche Iohannes Hinderbach, come testimoniano le sue note, e vi rimase fino al 1805, quando fu portato alla Hofbibliothek di Vienna; nel 1919 fu restituito all’Italia e collocato nel Museo nazionale di Trento.

Nomi collegati alla storia:
*Abbazia di *San *Lorenzo <Trento>, possessore

*Biblioteca *Capitolare <Trento>, possessore

*Biblioteca *vescovile <Trento>, possessore

Hinderbach, Iohannes <vescovo di Trento ; 1418-1486>, possessore

Wanga, Federico <fl. 1207-1218>, possessore

Antiche segnature:
700 (Segnatura Hofbibliothek di Vienna, Museo Nazionale di Trento, Castello del Buonconsiglio).

Descrizione interna


cc. 2r-203v


Titolo identificato: Sacramentarium

Osservazioni:
con tavola dei capitoli alle cc. 2r-7v.

Descrizione interna


cc. 204r-217r


Titolo identificato: Martyrologium


Bibliografia non a stampa
Sergio Pighi, Le biblioteche del Trentino. Con profilo culturale della regione, tesi di laurea, Padova, Università degli studi, Facoltà di Lettere e Filosofia, a.a. 1964-1965, p. 144; Nadezda Fava, Il Sacramentario gregoriano di Trento (Trento, Castello del Buonconsiglio, ms. 1590). Analisi stilistica e tecnica, tesi di laurea, Università di Bologna, Facoltà di conservazione dei beni culturali, Corso di laurea in conservazione dei beni culturali, a. a. 2001-2002

Bibliografia a stampa
Benedetto Bonelli, Monumenta ecclesiae tridentinae ... Tridentinorum antistitum series universa commentario historico-diplomatico illustrata ..., Tridenti, ex typographia episcopali J.B. Monauni, 1765, I, 321; II, 19-24; III, I, 65, 485; III, II, 399 nr. 217; Tabulae, I, 118; Giuseppe Gerola, Per la reintegrazione delle raccolte trentine spogliate dall’Austria, «Rivista delle biblioteche e degli archivi» 29 (1918), 1-23, ora in Scritti di Giuseppe Gerola. Trentino-Alto Adige, Trento, Società di Studi trentini di scienze storiche, 1995, I, 350-366; Giuseppe Gerola, Il Sacramentario della Chiesa di Trento, «Dedalo» 2 (1921), 221-230, ora in Scritti di Giuseppe Gerola. Trentino-Alto Adige, Trento, Società di Studi trentini di scienze storiche, 1995, I, 445-452; Ettore Modigliani, Catalogo degli oggetti d’arte e di storia restituiti dall’Austria-Ungheria ed esposti nel R. Palazzo Venezia in Roma, Milano, Alfieri & Lacroix, 1923, p. 71; Vittorio Zippel, Gli oggetti di storia e d’arte della Venezia Tridentina restituiti dall’Austria, «Studi trentini di Scienze Storiche», 4 (1923) n. 2 p. 114; Die Elfenbeinskulpturen, bearb. von Adolph Goldschmidt, I: Aus der Zeit der Karolingischen und Sächsichen Kaiser, VIII-XI Jahrhundert, Berlin, Cassirer, 1914, nr. 21; Giuseppe Gerola, I testi trentini dei secoli VI-X, «Atti del R. Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti», 83 (1924), 237-246, ora in Scritti di Giuseppe Gerola. Trentino-Alto Adige, Trento, Società di Studi trentini di scienze storiche, 1995, II, 546-552,p. 246; Giuseppe Gerola, Le cronache medioevali trentine, in Abhandlungen aus den Gebiete der mittleren und neueren Geschichte und ihrer Hilfswissenschaften, Münster 1925 (Vorrenformationsgeschichtliche Forschungen, Supplement), 67-83, ora in Scritti di Giuseppe Gerola. Trentino-Alto Adige, Trento, Società di Studi trentini di scienze storiche, 1995, II, 635-648; Giovannangela Tarugi Secchi, La biblioteca vescovile trentina, Trento, Società per gli studi trentini, 1930 (Collana di monografie edita dalla Società per gli studi trentini di scienze storiche, 2), pp. 27, 76, 86, 102, 105; Giuseppe Gerola, Il Castello del Buonconsiglio e il Museo nazionale di Trento, Roma, Libreria dello Stato, 1934 (Le guide dei musei italiani), p. 106; Wolfgang Fritz Volbach, Elfenbeinarbeiten der Spätantike und des frühen Mittelalters, Mainz, Verlag d. Röm. - German. Zentralmuseum, 1952, p. 97 nr. 225; Herman Fillitz, Die Spätphaese des «langobardische» Stiles. Studien zum oberitalienischen Relief des 10. Jahrhunderts, «Jahrbuch der Kunsthistorischen Sammlungen in Wien» 54 (1958), 50; Giulio Benedetto Emert, Monumenti di Trento, Trento, Saturnia, 1954 (Opere di Giulio Benedetto Emert, 1), pp. 224, 226; Jean Deshusses, Le sacramentaire grègorien de Trent, «Revue Bènèdictine», 78 (1968), pp. 261-282; Klaus Gamber, Der Codex Tridentinus (Ein Sakramentar der Domkirche von Säben aus der Zeit um 825), «Scriptorium», 24 (1970), pp. 293-304; Klaus Gamber, Sacramentaria Prehadriana. Neue Zeugnisse der Süddeutschen Überlieferung des Vorhadrianischen Sacramentarium Gregorianum im 8.-9. Jh., «Scriptorium» 27 (1973), pp. 3-15; Hermann Fillitz, L’arte alla corte di Carlo Magno nei suoi rapporti con l’antichità, «Rendiconti della Pontificia Accademia Romana di Archeologia», 38 (1965-1966), p. 233; Karl der Grosse. Lebenswerk und Nachleben, herausgegeben von W . Brunfels, H. Schnitzler, Düsseldorf, Schwann, 1967, p. 353 nr. 539; Franz Unterkirchner, Das karoliningische Sakramentar von Trient für Säbn geschrieben?, «Der Schlern», 51 (1977), p. 54 e seg.; Klaus Gamber, Ein Karolingisches Sakramentar vermutlich aus Apianum (Eppan), «Der Schlern», 52 (1978); Restauri ed acquisizioni 1973-1978. Provincia autonoma di Trento, Castello del Buonconsiglio - Palazzo delle Albere, giugno-novembre 1978, catalogo della mostra a cura dell’Assessorato alle Attività culturali della Provincia autonoma di Trento, Trento, TEMI, 1978, pp. 233-235; Katharina Bierbrauer, Die Ornamentik frühkarolingischer Handschriften aus Bayern, München, 1979 (Bayerische Akademie der Wissenschaften, Abh. N.F. 84), p. 57 nr. 183; Bernhard Bischoff, Die südostdeutschen Schreibschulen und Bibliotheken in der Karolingerzeit, II, Leipzig u.a., Harrassowitz, 1980, p. 183; Iginio Rogger - Ferdinando Dell’Oro, Il Sacramentario di Trento. Studio codicologico-paleografico, in Monumenta liturgica ecclesiae Tridentinae saeculo XIII antiquiora, curantibus Ferdinando Dell’Oro, Hygino Rogger, adlaborantibus Bonifatio Baroffio, Ferdinando Dell’Oro, Trento, Società di studi trentini di scienze storiche, II/A, 1984, pp. 3-416; Bonifacio Baroffio, Il martirologio abbreviato nel «Sacramentarium tridentinum» del sec. XI, in Monumenta liturgica ecclesiae Tridentinae saeculo XIII antiquiora, curantibus Ferdinando Dell’Oro, Hygino Rogger, adlaborantibus Bonifatio Baroffio, Ferdinando Dell’Oro, Trento, Società di studi trentini di scienze storiche, I, 1983, pp. 203-215; Klaus Gamber, Codices litugici latini antiquiores, Freiburg, Universitätsverlag 1966 (Spicilegii Freiburgensis Subsidia, 1), nr. 724; Klaus Gamber, Codices litugici latini antiquiores. Supplementum Ergaenzungs- und Registerband, unter Mitarbeit von B. Baroffio ... [et al.] Freiburg, Universitätsverlag, 1988, nr. 709*; Iginio Rogger, Interessi agiografici del vescovo Hinderbach, con particolare riguardo al santorale trentino, in Il principe vescovo Johannes Hinderbach fra tardo Medioevo e Umanesimo, Atti del Convegno promosso dalla Biblioteca comunale di Trento (2-6 ottobre 1989), a cura di Iginio Rogger e Marco Bellabarba, Bologna, EDB; Trento, Comune di Trento; Trento, Istituto di scienze religiose, 1992 (Pubblicazioni dell’Istituto di Scienze religiose in Trento, Serie maior, III), pp. 333, 344; Joan Bellavista i Ramon, El temporal del Sacramentari de Ripoll en relació amb el de Trento, «Miscel.lània litúrgica catalana», 4 (1990), 29-36; Hermann Fillitz, Avori di epoca altomedievale nell’Italia del nord, in Milano, una capitale da Ambrogio ai Carolingi, a cura di Carlo Bertelli, Milano, Electa, 1987 (Il millennio ambrosiano), pp. 258-259,275; I manoscritti datati della provincia di Trento, a cura di Maria Antonietta Casagrande Mazzoli, Lorena Dal Poz, Donatella Frioli, Silvano Groff, Mauro Hausbergher, Marco Palma, Cesare Scalon, Stefano Zamponi, Firenze, SISMEL Edizioni del Galluzzo, 1996 (Manoscritti datati d’Italia, 1), pp. 9, 10; Il futuro dei longobardi. L’Italia e la costruzione dell’Europa di Carlo Magno, a cura di Carlo Bertelli, Gian Pietro Brogiolo, Milano, Skira, 2000, pp. 380 nr. 247, 387 nr. 368 (scheda di Carlo Bertelli); Donatella Frioli, Libri e biblioteche in area trentina e alto-atesina, in Libri, lettori e biblioteche dell’Italia medievale (secoli IX-XV). Fonti, testi, utilizzazione del libro, Atti della Tavola rotonda italo-francese (Roma 7-8 marzo 1997), Roma, ICCU, 2000, p. 456; Otto der Grosse. Magdeburgund Europa, herausgegeben von Matthias Puhle, Mainz, von Zabern, 2001, II, 401 (scheda di Hermann Fillitz); Fabrizio Crivello, La miniatura a Bobbio tra IX e X secolo e i suoi modelli carolingi, Torino [etc.], Allemandi, 2001 (Archivi di arte antica), pp. 162, 165, 166, 167, 168, 188; Cesarino Ruini, Frammenti di mosaici e di manoscritti. Per un’archeologia musicale: il caso di Trento, in Melodie dimenticate. Stato delle ricerche sui manoscritti di canto liturgico, Atti del convegno, Spoleto, 23 ottobre 1999, a cura di Gioia Filocamo, Firenze, Olschki, 2002 (Historiae musicae cultores, XCI), p. 6; Angelo Rusconi, Atlantide musicale. Il canto patriarchino tra mito e realtà, in Melodie dimenticate. Stato delle ricerche sui manoscritti di canto liturgico, Atti del convegno, Spoleto, 2-3 ottobre 1999, a cura di Gioia Filocamo, Firenze, Olschki, 2002 (Historiae musicae cultores, XCI), p. 59; PLa parola visibile. Bibbie dalle raccolte trentine, catalogo della mostra, Trento, Castello del Buonconsiglio 12 novembre 2005 - 8 gennaio 2006, Trento, Vita Trentina, 2006 (CD ROM) (scheda di Adriana Paolini).


Progetto: Manoscritti medievali e moderni delle biblioteche della provincia di Trento
Autore della scheda: Adriana Paolini
Tipologia: recupero da catalogo
(I manoscritti medievali della provincia di Trento, a cura di Adriana Paolini, con la collaborazione di Marina Bernasconi, Leonardo Granata, Trento, Provincia autonoma di Trento, Firenze, Edizioni del Galluzzo, 2010 (Biblioteche e archivi, 20), p. 111, nr. 98)
Data creazione: 26/07/2017 Data modifica: 26/07/2017
CNMS: CNMS\\0000185876

Scarica in formato XML