Manus
Home Ricerca Indici Progetti speciali Biblioteche News Norme catalografiche

home > Roma, Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II, Sessoriano, Sess.16

Roma, Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele II, Sessoriano, Sess.16


Scheda manoscritto

Vedi la descrizione del Fondo

CNMD\0000214047

Sfoglia le immagini di catalogo esterne a MOL (1)

Manoscritto membranaceo, guardie cartacee; 0801-0900 data stimata (Cfr. Morelli-Palma, Indagine); ; numerazione a penna nell'angolo sup. est. per cc. 57; saltata la carta ora numerata 28a.

Dimensioni: mm 273 x 178.

Iniziali
Iniziali semplici.

Legatura:
Assi in cartone.

Coperta in pergamenaCoperta in carta.

Storia del manoscritto:
Manoscritto originario dello scriptorium del monastero di S. Silvestro di Nonantola (Modena). Il codice compare nei seguenti antichi cataloghi dell'abbazia di Nonantola: in quello del 1166 con la segnatura 14; in quello del 1464 con il numero 59, in quello redatto a cavallo degli anni 1464-1490 con il numero 82 (cfr. Gullotta, pp. 40-41, 288, 406). Nel catalogo Ferrari (1663-1672) il codice porta il numero 63 (cfr. Palma, Sessoriana, p. 34). Il codice fa parte di quei manoscritti raccolti per iniziativa dell'abate Ilarione Rancati (1594-1663) a vantaggio della Biblioteca Sessoriana dei cistercensi romani di Santa Croce in Gerusalemme, il cui timbro è visibile alle cc. Ir e 1r. Da qui, l'intera biblioteca, in seguito alla soppressione del monastero avvenuta nel 1810, fu trasferita presso la Biblioteca Apostolica Vaticana (1810-1817). L'8 marzo 1817 i manoscritti furono restituiti ai cistercensi del monastero di S. Bernardo alle Terme. Nel 1825 tornarono a S. Croce in Gerusalemme, dove rimasero (eccetto brevi periodi durante gli anni 1849 e poi 1870) fino alla consegna alla Biblioteca Nazionale di Roma. La consegna, stabilita in base alla legge sulla soppressione delle corporazioni religiose di Roma del 1873, avvenne in due tempi: nel 1875 e nel 1885. Per il fondo Sessoriano, sono testimoniate 12 serie di segnature, escludendo quelle che ogni codice aveva prima dell'immissione alla biblioteca di Santa Croce. In questo manoscritto abbiamo le seguenti segnature: "108" nell'angolo superiore esterno di c. IIr, assegnata da Franco Ferrari (bibliotecario di Santa Croce), risalente al periodo immediatamente precedente il 1727 e riferita alla disposizione per formato dei codici negli scaffali; "Codex 249" a c. IIr, apposta negli anni 1728-1737 da Gioacchino Besozzi (abate dal 1724) insieme all'indicazione del contenuto del codice; "XVI" a c. Iv, attribuita da Leandro de Corrieri (bibliotecario fino al 1834) e ripetuta a penna in alto sul dorso, preceduta dalla lettera D. Ancora nella parte inferiore del dorso, tracce del cartellino cartaceo di colore azzurro recante l'antica segnatura " G XVI", dove la lettera si riferiva alla sezione del pluteo. Alla fine del 1800, quando il fondo era già presente in BNC, venne assegnato il numero di catena "2101", che corrispondeva alla collocazione negli scaffali indipendentemente dalla provenienza dei diversi fondi. Nel margine superiore di c. 1r nota autografa di Leandro de Corrieri e varie probationes calami, come anche nel verso. Alle cc. 1v-2r una lezione dell'Apocalisse ed una sequentia sancti evangelii secundum Matheum (cfr. Giorgi), poco leggibili. A c. 2v mano del secolo XII ha trascritto la Retractatio al De animae quantitate di Sant'Agostino.

Nomi collegati alla storia:
*Basilica di *Santa *Croce in *Gerusalemme <Roma>, provenienza

Besozzi, Gioacchino <cardinale ; 1679-1755>, altra relazione di D.E.

Corrieri, Leandro <O.Cist. ; 1801-1834>, altra relazione di D.E.

Ferrari, Franco <O.Cist. ; ca. 1635-1711>, altra relazione di D.E.

Antiche segnature:
108

Descrizione interna


c. 2v


Autore:
Augustinus, Aurelius <santo>

Titolo identificato: Retractationum libri duo. De animae quantitate liber unus
Note: Cfr. CCh 57, pp. 21-23.

Incipit (testo) : In eadem urbe scripsi dialogum (c. 2v)

Explicit (testo) : sic incipit quoniam video te abundare otio (c. 2v)

Descrizione interna


cc. 3r-44r


Autore:
Augustinus, Aurelius <santo>

Titolo aggiunto: De qualitate vel quantitate anime
Note: aggiunto da mano posteriore sul margine superiore di c. 3r. Vd. immagine.

Titolo identificato: De quantitate animae
Note: Cfr. C.S.E.L. 89, 129-231.

Incipit (testo) : Quoniam video te abundare otio (c. 3r)

Explicit (testo) : sed etiam meipsum oportuniorem observabo (c. 44r)

Descrizione interna


cc. 44r-45r


Autore:
Augustinus, Aurelius <santo>

Titolo identificato: Retractationum libri II. De immortalitate animae liber unus
Note: Cfr. CCh 57, pp. 15-17.

Titolo presente: De immortalitate animae (c. 44r)

Incipit (testo) : Post libros soliloquiorum iam de agro (c. 44r)

Explicit (testo) : Hic liber sic incipit si alicubi est disciplina (c. 45r)

Descrizione interna


cc. 45r-57v


Autore:
Augustinus, Aurelius <santo>

Titolo identificato: De immortalitate anime
Note: lungo il margine esterno, in senso verticale.

Titolo identificato: De immortalitate animae
Note: Cfr. C.S.E.L. 89, pp. 99-128.

Incipit (testo) : Si alicubi est disciplina necesse (c. 45r)

Explicit (testo) : De quo dictum est probatur (c. 57v)

Osservazioni:
Nella seconda metà di c. 57v, preghiere e prove di penna.


Bibliografia non a stampa
(Giorgi, I.), Biblioteca nazionale centrale Vittorio Emanuele. Catalogo dei manoscritti. Fondo Sessoriano, p. 20

Bibliografia a stampa
Gullotta, Giuseppe, Gli antichi cataloghi e i codici della Abbazia di Nonatola, Città del Vaticano 1955 (Studi e testi, 182), pp. 40-41, 288, 406; Morelli, Mirella - Palma, Marco, Indagine su alcuni aspetti materiali della produzione libraria a Nonantola nel secolo IX, "Scrittura e civiltà" 6, 1982, 40, 68, 70, 72, 74, 76, 78, 80, 82, 84, 86; Oberleitner, Manfred, Die handschriftliche Uberlieferung der Werke des heiligen Augustinus, I, 1 in Sitzungsberichte der Osterreichischen Akademie der Wissenschaften. Philosophish-historische Klasse, 267. Band, Wien 1970 (Veroffentlichungen der Kommission zur Herausgabe des Corpus der lateinische Kirchenvater, 2), 218-219; Palma, Marco, L'origine del codice vaticano del Liber diurnus, "Scrittura e civiltà" 4, 1980, 306 n. 47; M. Palma, Sessoriana. Materiali per la storia dei manoscritti appartenuti alla biblioteca romana di S. Croce in Gerusalemme, Roma 1980 (Sussidi eruditi, 32), 34

Riproduzioni
Microfilm


Autore della scheda: Rossella Modica
Ultima modifica: Rosella Modica
Tipologia: recupero da catalogo
Data creazione: 28/01/2013 Data modifica: 19/07/2016
CNMS: CNMS\\0000152512

Scarica in formato XML