Manus
Home Ricerca Indici Progetti speciali Biblioteche News Links

Milano, Biblioteca nazionale Braidense, ms. Castiglioni 5, c. 2v

23 aprile 2017

I manoscritti della Biblioteca Piana presso la Biblioteca Malatestiana di Cesena

 

Cesena, Biblioteca Malatestiana, ms. Piana 3.209

In Manus OnLine sono stati descritti 105 codici, 59 medievali e 46 moderni, che costituiscono il fondo manoscritto della Biblioteca Piana, collezione libraria appartenuta al pontefice Pio VII (Barnaba Niccolò Maria Luigi Chiaramonti, 1742-1823) e oggi di proprietà dello Stato Italiano, attualmente in deposito presso la Biblioteca Malatestiana di Cesena. A più di quindici anni di distanza dall'ultima parziale campagna di catalogazione del fondo, la quale interessò i soli manoscritti medievali, è stata realizzata ora una catalogazione complessiva, grazie sia all'attuazione del progetto “Manoscritti medievali e catalogazione moderna: diverse esperienze a confronto” con il bando della Regione Lazio “Tornosubito 2015”, sia al finanziamento da parte dell'Associazione Amici della Biblioteca Malatestiana – Cesena.

Il fondo manoscritto della Biblioteca Piana è frutto di una stratificazione complessa ed è quindi caratterizzato da una notevole disomogeneità: i codici che ne fanno parte, infatti, differiscono tanto per gli elementi esterni (datazione, provenienza, materia) che per quelli interni (contenuto testuale).

I codici che ne fanno parte, sia membranacei che cartacei, sono di varia provenienza (italiana, francese e svizzera) e databili tra il 1104 (ms. Piana 3.210) e il 1823 (ms. Piana 12.69).

A livello contenutistico si spazia dai volumi liturgici (messali, breviari, etc.) ai testi storiografici, sia antichi che moderni, dalle opere dei padri della Chiesa alle composizioni agiografiche, agli autori classici e tardo medievali; non mancano i codici giuridici né i trattati di arte militare, le opere di numismatica o quelle di tachigrafia.

Infine, a livello decorativo, il fondo manoscritto conserva codici che mostrano un'ampia gamma di apparati: si va dai volumi che non presentano alcuna decorazione a quelli che sfoggiano miniature di altissimo livello, come i meravigliosi Libri d'Ore.